Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > L’Italia cattura le sue prime onde gravitazionali

L’Italia cattura le sue prime onde gravitazionali

Stampa

Per la prima volta anche lo strumento posizionato in Italia, VIRGO, ha catturato delle onde gravitazionali. Questo tipo di onde era stato predetto da Albert Einstein!

Erano state previste da Albert Einstein oltre un secolo fa. Sono le onde gravitazionali: delle "scosse", delle vibrazioni, come delle increspature alla trama dello spazio-tempo, generate da cataclismi avvenuti nell'universo, per esempio da due buchi neri che "si scontrano". 

 

Un nuovo evento di onde gravitazionali è stato rilevato dalla collaborazione LIGO-VIRGO. Questa volta però la registrazione è stata ripresa da VIRGO, lo strumento posizionato in Italia, in provincia di Pisa, oltre che dalle due antenne gemelle LIGO, negli Stati Uniti. L'annuncio è stato dato ieri a Torino, all'apertura del G7 Scienza (scopri sul sito del Miur, il Ministero dell'Istruzione, com'è composto il G7 Scienza e la sua funzione). Anche se la registrazione è stata fatta il 14 di agosto.

 

Infatti l'onda gravitazionale è stata immortalata il 14 agosto alle 12:30, ora italiana. A generarla, lo scontro di due buchi neri, lontani da noi 1,8 miliardi di anni luce.

 

 

Fino a questo momento VIRGO era stato utilizzato per analizzare i dati raccolti da LIGO. In attesa che venissero fatti alcuni aggiornamenti tecnologici. Ora però è diventato una parte integrante della ricerca sulle onde gravitazionali.

Che cosa sono le onde gravitazionali?

 

Ed ecco un piccolo riassunto sulle onde gravitazionali.

 

Noi siamo abituati a immaginare lo spazio a tre dimensioni: lunghezza, larghezza e profondità.

Einstein, nella sua teoria della relatività, ipotizzava anche una quarta dimensione: IL TEMPO. Secondo questa visione, le cose che accadono nell'Universo, non solo possono essere osservate in base alla loro posizione e composizione nello spazio, ma anche a seconda del momento in cui esse avvengono: spazio e tempo si influenzano in modo diretto l'uno con l'altro. 

 

Le onde gravitazionali scoperte avvalorano questa teoria, perché hanno viaggiato non solo nello spazio, ma anche nel tempo. 

 

In che senso hanno viaggiato nel tempo?

 

Abbiamo scritto prima che le onde gravitazionali sono increspature nel "tessuto" spazio-temporale generate da uno spaventoso cataclisma e propagatesi nell'Universo.

Provate a immaginare di gettare una pietra in uno stagno: le onde si allargano dal punto di impatto verso l'esterno.

Le onde gravitazionali appena misurate sono state causate dallo scontro tra due giganteschi Buchi Neri , regioni spaziali la cui gravità è così forte da ingoiare ogni cosa, persino la luce.

 

Questi due enormi ammassi di materia si sono fusi l'uno nell'altro un miliardo e mezzo di anni fa e l'impatto ha generato un'immensa quantità di energia sotto forma di onde le quali, vista la grande massa dei due corpi, hanno deformato il piano dello Spaziotempo e, dunque, lasciato la traccia che gli scienziati hanno rilevato.

 

Per approfondire: Virgo-gw.eu