Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > 60 anni fa la cagnetta Laika veniva spedita nello Spazio!

60 anni fa la cagnetta Laika veniva spedita nello Spazio!

Stampa
60 anni fa la cagnetta Laika veniva spedita nello Spazio!

Il 3 novembre 1957 la cagnetta Laika decollava a bordo della capsula sovietica Sputnik 2. Fu il primo essere vivente inviato nello spazio

Jurij Gagarin fu il primo uomo ad andare nello spazio, ma il primato assoluto è detenuto da una cosmonauta...a quattro zampe.



 



Sessant'anni fa infatti partiva a bordo di un satellite sovietico Laika, una cagnetta metà Husky e metà Terrier che passò alla storia come il primo essere vivente a visitare lo spazio!



 



La corsa allo spazio e la partenza di Laika



Negli anni '50 le due super-potenze del tempo, USA e Unione Sovietica, l'attuale Russia, si sfidavano in ogni campo (fortunatamente senza degenerare mai in una guerra e propria) per dimostrare la propria supremazia.



La corsa nella ricerca spaziale fu uno dei terreni di sfida dove la competizione si fece più accesa!


In questo clima di estrema rivalità, l'Unione Sovietica aveva fretta di celebrare i quarant'anni della Rivoluzione che instaurò il regime comunista con un evento ad effetto.





I russi avevano già spedito un satellite nello spazio, lo Sputnik, ma per stupire il mondo si voleva osare ancora di più.



Purtroppo per le ambizioni sovietiche, le tecnologie dell'epoca non permettevano ancora l'invio di esseri umani fuori dall'atmosfera, ma ciò non scoraggiò i russi.



 



Da tempo infatti i ricercatori sovietici stavano utilizzando i cani per testare gli effetti della permanenza in orbita su organismi complessi e quindi si optò per spedire tra le stelle un esemplare già "addestrato".



Laika fu la prescelta!


Il 3 novembre 1957 alle 2:30 venne lanciato dal Cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan, il satellite Sputnik 2 con a bordo Laika. Il viaggio interstellare durò complessivamente cinque mesi e portò il satellite a compiere 2570 giri attorno alla Terra, ma Laika non visse che pochi giorni tra le stelle.



Ipa-agency


L'impatto sull'opinione pubblica mondiale fu enorme.



Se da un lato infatti molti ammirarono e compatirono la cagnetta, la quale non sarebbe mai sopravvissuta al viaggio, tutto il mondo si accorse dei passi da gigante che l'Unione Sovietica stava compiendo in campo aerospaziale.



 



Il sacrificio di Laika la rese una vera eroina nazionale, ricordata per sempre con eventi, statue e francobolli.



Ma non fu l'ulltimo cane a volare nello spazio!


Il 20 agosto 1960  infatti le cagne Belka e Strelka furono le prime a tornare sane e salve a terra da una missione spaziale a bordo del satellite Sputnik 5.