Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > La voce dello spazio ci aiuterà a trovare nuovi buchi neri!

La voce dello spazio ci aiuterà a trovare nuovi buchi neri!

Stampa

La nuova tecnica presentata in uno studio australiano permetterà agli astrofisici di ascoltare il "rumore" provocato dalle collisioni tra buchi neri, aiutando anche la ricerca sulle onde gravitazionali!

I buchi neri non possono essere visti, ma forse possono essere ascoltati!

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Physical Review X ha infatti proposto una nuova tecnica per osservare con maggiore facilità quelle regioni dello spazio, i buchi neri appunto, la cui attrazione gravitazionale è talmente forte da trattenere perfino la luce, rendendoli dunque pressoché invisibili.

La voce dei buchi neri...

La ricerca è stata condotta principalmente da due accademici dell'Università australiana di MonashEric Thrane e Rory Smith, i quali hanno sviluppato un metodo basato su complicatissime simulazioni generate da un super-computer, per captare i rumori provocati dalle colossali collisioni tra buchi neri, quindi le onde gravitazionali, e rivelare così l'esistenza di centinaia di buchi neri nascosti nello spazio profondo.

 

Reuters

Tali collisioni infatti sono molto più frequenti di quanto si pensasse in passato e pertanto l'adozione di un metodo efficace per individuare le sorgenti delle onde che ne scaturiscono, potrebbe davvero rappresentare un passo decisivo nello studio un campo ancora molto oscuro (in tutti i sensi!) come quello dei buchi neri.

 

«Misurare il "rumore" delle onde gravitazionali ci permetterà di studiare la popolazione di buchi neri da grandissime distanze - spiega il Dr. Thrane - Un giorno, la tecnica potrebbe renderci capaci di vedere le onde gravitazionali scaturite dal Big Bang, nascoste dietro le onde gravitazionali dei buchi neri e delle stelle a neutroni».