Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > La fine di una stella ripresa in diretta: è stata fatta a pezzi da un buco nero!

La fine di una stella ripresa in diretta: è stata fatta a pezzi da un buco nero!

Stampa
La fine di una stella ripresa in diretta: è stata fatta a pezzi da un buco nero!
wikipedia

Un buco nero dalla massa 20 volte superiore a quella del Sole ha inghiottito una stella che si era avvicinata troppo. L'evento è stato osservato per le prima volta in diretta grazie ad una rete internazionale di antenne e telescopi

Un team internazionale di 36 scienziati sparsi per il globo è riuscito ad osservare in diretta la morte di una stella, fatta letteralmente a pezzi da una buco nero dalla massa supermassiccia (ben 20 volte maggiore di quella del Sole) e collocato a circa 150 milioni di anni luce di distanza dalla Terra.

L'astro si era avvicinato troppo al buco nero e questo, in tutta risposta, l'ha ridotta a brandelli grazie alla propria inarrestabile forza di attrazione, provocando poi un getto di materiale stellare dalle proporzioni apocalittiche.

I risultati dell'osservazione sono apparsi su Science.

La morte in diretta

L'evento probabilmente è piuttosto comune tra le vaste profondità dell'Universo, ma questa è la prima volta che un gruppo di esperti riesce ad assistervi direttamente.

In realtà la scoperta è stata compiuta quasi per caso nel 2005, quando gli scienziati del William Herschel Telescope alle Isole Canarie stavano osservando una coppia di galassie in collisione chiamata ARP 299 per cercare tracce di supernove.

(FOTO DI REPERTORIO)
L'evento osservato in realtà si è verificato 150 milioni di anni fa, ma la luce è arrivata a noi solo da poco!
Credits: Pixabay

La forte emissione di infrarossi provenienti dalla coppia di galassie però si è rivelata presto essere qualcosa di ben più interessante, poiché altri radiotelescopi nel mondo continuavano ad osservarne la forte espansione.

Un'esplosione di energia

Una volta compresa la natura del fenomeno, gli scienziati sono anche riusciti a calcolare la velocità media del getto di materiale stellare, la quale si aggirava intorno ad un quarto di quella della luce!

Dopo più di un decennio di studi dunque, la comunità scientifica è riuscita ad ottenere un quadro completo del catastrofico (almeno per la povera stella) evento, ottenendo anche importanti informazioni sui comportamenti dei buchi neri "supermassivi" durante uno stato diverso da quello di quiete (cioè mentre stanno facendo qualcosa).