Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Spazio > Asgardia, la prima nazione spaziale: quando la scienza supera la fiction!

Asgardia, la prima nazione spaziale: quando la scienza supera la fiction!

Stampa

Il pianeta Terra vi va stretto? Provate a chiedere la cittadinanza ad Asgardia, la prima nazione orbitante che mira a proteggerci dai pericoli del cosmo e a proteggere la pace mondiale

Come nelle storie di fantascienza, un gigantesco ente orbitante potrebbe supervisionare e proteggere la vita del pianeta Terra direttamente dallo spazio. Questo il sogno del team di scienziati e addetti ai lavori che vogliono rendere realtà Asgardia, la prima nazione umana nello spazio.

 

Idea bislacca? Forse, ma le menti che stanno lavorando per realizzare questa piccola città tra le stelle, sono tra le più brillanti del settore e parecchi miliardi sembrano pronti per essere stanziati, mica pizzi e fichi!

Un nome, un programma... spaziale!

Già dal nome si può ben capire l'ambiziosa portata del progetto: Asgard era infatti la mitologica dimora degli Dei Asi norreni (Thor, Loki, Odino,vi dicono nulla?). 

E proprio come una divinità, Asgardia sarà una stazione spaziale il cui compito sarà quello di tutelare l'umanità dai pericoli del cosmo, come la caduta di meteoriti, promuovere la pace e aiutare la ricerca scientifica terrestre, sempre stando con "la testa tra le stelle".

Proprio a causa del suo ruolo super partes però, i fautori di Asgardia vogliono che essa venga riconosciuta come uno Stato indipendente; una bella grana legale, soprattutto perché al momento l'Outer Space Treaty, il trattato internazionale che regola il diritto aerospaziale, stabilisce che la responsabilità di un corpo nello spazio spetta alla nazione che lo ha lanciato.

 

Mentre si attende con curiosità l'esito di questa contesa, chiunque può iniziare a chiedere la cittadinanza per lo Stato letteralmente fuori dal mondo!

I primi 100.000 utenti registrati entreranno automaticamente a far parte della comunità asgardiana, una comunità che non fa distinzioni di razze (non ha nemmeno una bandiera o un inno, per i quali si è indetto però un contest in cui vengono chiesti idee e schizzi per i nuovi simboli della futura nazione interstellare) e che permette a tutti di accedere a certe tecnologie altrimenti inarrivabili in molte parti del globo.

Chissà che tipo di passaporto servirà per fare visita ai parenti?