Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > World Wildlife Day: il 3 marzo è la Giornata della Natura!

World Wildlife Day: il 3 marzo è la Giornata della Natura!

Stampa

Il World Wildlife Day 2017 si rivolge soprattutto ai giovani e alla loro voglia di cambiare il mondo che ci circonda. Nel 2016 ci sono stati lievi miglioramenti per alcune specie in via d'estinzione, ma di questo passo più della metà dle regno animale rischia di scomparire per sempre

Il mondo che ci circonda si poggia su di un delicato equilibrio che si sta rischiando di infrangere. Di questo passo, a causa dell'inquinamento, della caccia incontrollata e della riduzione degli habitat naturali, più della metà del regno animale potrebbe scomparire nel giro di pochi anni.

 

Oggi più che mai dunque l'annuale Wwd (World Wildlife Day), indetta dall'Onu e celebrata il 3 marzo di ogni anno, si presenta come una grande occasione per tornare a discutere i problemi che affliggono Madre Natura.

 

L'edizione 2017 in particolare punta a coinvolgimento delle giovani generazioni, unica speranza per la tutela della natura. Lo slogan lanciato dall’ONU è infatti “Listen to the young voices", "ascolta le voci dei giovani".

Non tutto è perduto

La battaglia però non è ancora persa e l'anno appena passato ha aperto parecchi spiragli per la speranza di un mondo migliore.

In occasione della Giornata mondiale della natura, il Wwf ha diffuso infatti cinque grandi obiettivi che sono stati centrati nel 2016:

  • aumento del numero delle tigri (prima volta nella storia)
  • aumento della popolazione dei panda, cresciuta del 17%.
  • ottenimento del divieto di commercio dei pangolini
  • chiusura del mercato dell'avorio in Cina
  • cancellazione di progetti industriali in aree ritenute patrimonio naturale come la barriera corallina del Belize.

Inoltre, in Italia il 3 marzo vedrà anche la firma di nove associazioni italiane (Enpa, Rifugio degli asinelli, Italian Horse Protection, Lav, Legambiente, Lega nazionale per la difesa del cane, Lipu-BirdLife Italia, Rete dei santuari di animali liberi in Italia, Wwf) per l'adesione alla Carta di Roma per il recupero degli animali salvati (spesso esotici e non adatti al nostro clima) non a fini di lucro