Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > S.O.S Pianeta: scomparso un decimo della natura selvaggia!

S.O.S Pianeta: scomparso un decimo della natura selvaggia!

Stampa
S.O.S Pianeta: scomparso un decimo della natura selvaggia!
Contrasto.com

In soli 25 anni 3,3 milioni di chilometri quadrati di ambiente incontaminato è stato spazzato via dall'uomo. A questi ritmi nel 2100 non ci sarà più un solo angolo di pianeta inviolato

Avanti così e le nuove generazioni non potranno godersi la bellezza di paesaggi incontaminati e liberi dalla ruvida mano dell'uomo. Questo l'allarme lanciato su Current Biology da uno studio australiano riguardo la condizione della natura selvaggia mondiale.

 

I dati raccolti dagli studiosi dell'Università del Queensland (tra cui l'italiano Moreno Di Marco) raccontano infatti di una vera e propria "catastrofe" in cui oltre 3,3 milioni di chilometri quadrati (un'estensione di circa il doppio dello stato dell'Alaska!) sono stati irrimediabilmente distrutti dall'uomo per lo sfruttamento di risorse naturali o l'allargamento di agglomerati urbani.

 

Se continueranno questi ritmi, gli scienziati hanno calcolato che entro il 2100 non esisteranno più aree incontaminate sulla Terra!

Cosa rimarrà di veramente "naturale"?

La situazione è drammatica, ma si possono ancora salvaguardare quelle zone del pianeta (circa il 23% delle terre emerse) che ancora mantengono ambienti totalmente naturali e privi di ogni traccia artificiale.

Current Biology

Naturalmente serviranno misure drastiche e molto difficili da applicare: la Foresta Amazzonica, per esempio, è l'ambiente incontaminato maggiormente colpito dall'opera di deforestazione umana, ma il Brasile, che ospita sul suo territorio gran parte della foresta, ha un grande bisogno di risorse naturali per alimentare la sua economia in espansione.

Natura, aiutiamoci!

Scienziati ed ecologisti auspicano che la corsa alle energie alternative (sfruttamento del Sole, del vento, ecc...) possa dare una mano decisiva alla Natura, ma i tempi sono stretti e la popolazione ha esigenze tecnologiche in costante aumento: può, ad esempio, l'energia solare alimentare da sola una grande città come New York? Purtroppo, al momento no... 

 

 

Da una parte l'ambiente, dall'altra l'economia, entrambi importanti, entrambi cruciali per l'umanità. Si riuscirà a trovare un giusto equilibrio?

 

FONTE: Current Biology

 

Leggi anche: scoperti animali fin'ora sconosciuti