Nostro Figlio
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Perché la siccità aumenta il rischio di inondazioni?

Perché la siccità aumenta il rischio di inondazioni?

Stampa
Perché la siccità aumenta il rischio di inondazioni?
Shutterstock

La mancanza d'acqua indebolisce anche le capacità d'assorbimento del suolo. E quando la pioggia arriva, possono essere guai...

Durante i lunghi mesi di siccità si spera sempre che la pioggia arrivi al più presto, ma perché allora quando poi torna a piovere davvero, spesso e volentieri sentiamo parlare di alluvioni e inondazioni? Scopriamolo insieme.

Siccità e inondazioni: perché sono collegate?

Quando non piove per un lungo periodo di tempi, il terreno cessa di ricevere nutrienti e dunque si secca. Tale condizione si potrebbe risolvere con l'arrivo delle prime piogge, tuttavia quando il terreno è diventato troppo arido e secco, il suolo fa molta più fatica ad assorbire l'acqua. Questo significa che se dopo mesi e mesi di siccità si scatenano improvvisamente violente precipitazioni, la terra non è preparata ad "accogliere" tanta abbondanza e dunque l'acqua piovana si accumula in superficie e, dilagando, finisce per provocare pericolose inondazioni.

L'esperimento inglese

Una dimostrazione chiara di questo fenomeno è stata data qualche giorno fa dall'Università inglese di Reading, la quale ha postato sui suoi profili social un semplice esperimento durante il quale si confrontava la capacità di assorbimento di un terreno umido rispetto ad un terreno inaridito: capovolgendo un bicchiere pieno d'acqua verso il suolo infatti, il terriccio inumidito infatti riusciva ad assorbire l'intero contenuto in pochi secondi, mentre il terreno secco lasciava gran parte del liquido sulla sua superficie.

Perché il cambiamento climatico sta peggiorando la situazione?

L'Università di Reading ha diffuso l'esperimento perché nel 2022 il Regno Unito (così come gran parte dell'Europa) è stato colpito da un'inusuale ondata di calore e i cittadini devono essere informati di quello che potrebbe succedere in futuro.

A causa del cambiamento climatico infatti, le stagioni calde e secche come l'estate 2022 saranno sempre più frequenti, così come i temporali violenti e le precipitazioni abbondanti e improvvise. E come abbiamo capito, la combinazione delle due situazioni non promette nulla di buono.