Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Che cos’è il vento?

Che cos’è il vento?

Stampa
Che cos’è il vento?
Shutterstock

Come si forma il vento? Come si misura la sua intensità? Scopriamo insieme segreti e curiosità sul fenomeno naturale... Che ci scompiglia i capelli!

Confortevole amico che ristora nelle serate estive o dispettoso burlone che fa volar via i cappellini o i panni stesi nelle mattine di maggio. Leggero come una carezza o più distruttivo di un bulldozer. Tira, fischia, soffia, spira: non sta mai fermo! È il vento, quello spostamento dell’aria che avviene di continuo nell’atmosfera.

PERCHÈ... TIRA VENTO?

Il vento ha molte cause. Tra le più importanti c’è che l’aria che circonda la Terra, benché invisibile, non può lasciare spazi vuoti ed è in continuo movimento. Questo movimento dipende da vari fattori.

L’aria fredda è più pesante e tende a cadere verso il basso, avvicinandosi al suolo. L’aria calda, invece, è più leggera e tende quindi a salire verso l’alto. Avvicinandosi al suolo, dunque, l’aria si riscalda, sale verso l’alto e spinge giù l’aria fredda. Quest’ultima scende... in picchiata e va a occupare lo spazio che si è liberato al suolo: così nasce il vento!

LA MISURAZIONE

Il vento può essere misurato in base alle sue tre caratteristiche principali: velocità (in km/h, in m/s oppure in nodi, una misura usata in ambito navale), temperatura e direzione (che parte dai quattro punti cardinali ma può avere fino a 12 posizioni intermedie). Ecco il perché di nomi quali tramontana (da nord), ostro (da sud), levante (da est), ponente (da ovest) e molti altri!

Per misurare l'intensità dei venti poi, l'uomo ha incentato una specie di... autovelox per il vento: si chiama anemometro. Questo utile strumento servì a stilare una classificazione perfezionata nel 1805 dall’ammiraglio britannico Francis Beaufort, il quale definì una scala per misurare e quantificare il vento in mare. Fu poi adattata per utilizzarla anche a terra.

  • 0-1 km/h --> Calma
  • 2-5km/h -->Bava di vento
  • 6-11km/h --> Brezza leggera
  • 12-19 km/h --> Brezza
  • 20-28km/h --> Brezza vivace
  • 29-38km/h -->Brezza tesa
  • 39-49km/h --> Vento fresco
  • 50-61km/h -->Vento forte
  • 62-74km/h --> Burrasca moderata
  • 75-88km/h --> Burrasca forte
  • 89-102 km/h --> Tempesta
  • 103-117 km/h) --> Fortunale
  • >118 km/h ---> Uragano

LO SAPEVI CHE...

- La raffica più forte è stata registrata nel 2010 presso l’Isola di Barrow (Australia): ben 408 km/h! Stava passando di lì il ciclone tropicale Olivia che... andava di fretta!

- Le montagne e le catene montuose possono bloccarne il tragitto e modificarne la direzione.

- Gli edifici delle città, se sono molto vicini tra loro, incanalano l’aria in movimento aumentandone la velocità, soprattutto a terra.

- La forza di Coriolis è una “forza apparente” che, in particolari condizioni, può far avvolgere il vento a spirale fino a sviluppare un uragano.

- La forte variazione di temperatura tra il litorale e l’altopiano del Carso è la causa all’origine della famosa bora di Trieste.