Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Corpo umano > Si può parlare di razze umane? Cosa dice la scienza

Si può parlare di razze umane? Cosa dice la scienza

Stampa
Si può parlare di razze umane? Cosa dice la scienza
Pixabay

Dal punto di vista scientifico la distinzione del genere umano in razze non sta in piedi. Le migrazioni dei nostri antenati, infatti, hanno mescolato i geni.

Il termine razza non è scientifico: gli uomini non sono stati isolati geograficamente abbastanza a lungo da creare varietà genetiche distinte. Questo è ciò che dice la scienza, mettendo così un punto fermo e indiscutibile a quanti continuano a parlare di “razze” a proposito del genere umano.

La ragione per la quale le razze, per l'uomo, non esistono dipendono dal fatto che l’uomo è da sempre in continuo movimento e le varietà continuano a diluirsi l'una nell’altra. Lo ha dimostrato, per esempio, il genetista Luca Cavalli-Sforza, che ha demolito i fondamenti biologici del concetto di razza: le civiltà non sono strutture chiuse e isolate.

-
Credits: Pixabay


La somiglianza genetica del genere umano
è frutto della comunanza di antenati recenti e delle migrazioni, che hanno determinato unioni e scambi di geni fra individui provenienti da aree geografiche diverse.

Un'obiezione che alcuni fanno, ossia che caratteristiche fisiche predominanti differiscono tra le varie popolazioni non è un'obiezione che regge: le caratteristiche fisiche predominanti di certe popolazioni dipendono da un numero molto ridotto di geni e sono state selezionate dalle condizioni ambientali, non dalla razza.

E questo con buona pace di coloro che, ancora, continuano a suddividere gli esseri umani in base al colore della pelle, alla regione del mondo o al continente in cui sono nati o alla religione che praticano.

Fonte Focus D&R

ULTIME NEWS