Nostro Figlio
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Corpo umano > Batteri: cosa sono e come si classificano

Batteri: cosa sono e come si classificano

Stampa
Batteri: cosa sono e come si classificano
Getty Images

Cosa sono i batteri? Quali sono le loro caratteristiche? Sono nemici o amici del nostro corpo? In questo articolo scopriremo insieme il mondo dei batteri ed alcune curiosità su questi strani "esserini"

I batteri sono microrganismi unicellulari, ovvero esseri microscopici composti da una singola cellula. A differenza di noi esseri umani, la loro sopravvivenza è garantita dall’unica cellula da cui sono composti. I batteri sono invisibili all’occhio umano, infatti, hanno una grandezza di circa 1 micrometro. Per farsi un’idea è sufficiente prendere in mano un righello, provare a concentrarsi su un millimetro e immaginare di dividerlo in 1000 parti.

Piccolissimi, vero? Per questo è necessario un microscopio per osservarli!

COM'È FATTA LA CELLULA BATTERICA?

La cellula batterica è molto diversa dalla cellula umana. Innanzitutto, è rivestita da più strati protettivi, che forniscono rigidità e protezione dall’ambiente che li circonda. Lo strato più esterno prende il nome di parete batterica ed composta principalmente dal peptidoglicano, ovvero una struttura a forma di rete che protegge il batterio. Più internamente è presente la membrana plasmatica, formata da fosfolipidi.

A differenza delle nostre cellule, chiamate cellule eucariote, all’interno della cellula batterica non c'è il nucleo, ma bensì il DNA è libero di circolare nel citoplasma (dunque si difinisce cellula procariote). Altra importante differenza è proprio la struttura del DNA: nell’essere umano ha una struttura a doppia elica, nei batteri è formato da un singolo filamento.

Alcuni batteri presentano all’esterno della parete dei piccoli “tentacoli”, ovvero i flagelli, che permettono alla cellula di muoversi nello spazio.

CLASSIFICAZIONE DEI BATTERI

Esistono infinite varietà di batteri, averli tutti in mente è praticamente impossibile. Partendo dalle loro caratteristiche, possiamo dividerli in alcuni gruppi.

Una prima classificazione è basata sulla forma del batterio:

  • Cocchi: forma sferica
  • Bacilli: forma cilindrica
  • Cocco-bacilli: forme allungate ovali, molto variabili
  • Vibrioni: bastoncelli ricurvi a forma di “virgola”
  • Spirochete: a forma di spirale.

Alcuni di loro, in particolare i cocchi, hanno la tendenza ad associarsi in gruppi di cellule, formando strutture diverse. Ad esempio, se sono in coppia sono detti diplococchi, se formano una catenella sono chiamati streptococchi, se creano un grappolo sono detti stafilococchi.

Un’altra classificazione utile è basata sul loro stile di vita:

  • Aerobi: vivono solo in presenza di ossigeno.
  • Anaerobi: vivono in assenza di ossigeno (ad esempio sottoterra).

Un’ultima classificazione, che piace molto ai dottori, è quella che suddivide i batteri in Gram positivi e Gram negativi. Questi due gruppi sono riconoscibili grazie ad una particolare colorazione, la colorazione di Gram, fatta dagli scienziati al microscopio: i Gram positivi si colorano di viola, mentre i Gram negativi appaiono fucsia.
La principale differenza tra queste due classi è lo spessore della parete batterica e la presenza di un ulteriore strato protettivo esterno nei Gram positivi.

batteri
Un batterio Neisseria gonorrhoeae, un batterio diplococco classificato come Gram negativo.
Credits: Getty Images

Curiosità: Sai perché questa classificazione piace tanto ai medici? Perché sapere se un batterio sia Gram positivo o negativo li aiuta a scegliere l’antibiotico corretto e quindi a curarci meglio!

BATTERI: NEMICI O AMICI?

I batteri sono forme di vita che abitano tutto il mondo, senza eccezioni: dal sasso nel nostro giardino, al pavimento di casa, al pelo del nostro cane, alla nostra pelle ecc. Sono comunemente presenti anche nel nostro organismo, sia all’esterno, sulla superficie cutanea e nelle mucose, sia all’interno, nel canale digerente e nell’albero respiratorio.

La loro presenza non causa danni, anzi, molti di loro sono nostri grandi alleati: ad esempio permettono ad alcune nostre cellule di funzionare al meglio, di assorbire correttamente molte vitamine e conferiscono al nostro corpo una maggiore protezione immunitaria.

Questi dunque i batteri, che insieme ad alcuni funghi e virus, compongono il microbiota intestinale, chiamato in modo informale “flora intestinale”. I microrganismi della flora, detti anche “batteri buoni”, ci proteggono dall’azione dannosa dei “batteri cattivi”, che in condizioni di squilibrio potrebbero causarci dei gran mal di pancia!

Esistono naturalmente anche dei batteri cattivi, il cui unico scopo è quello di portarci malattie. Alcuni esempi sono la Salmonella, che causa gastroenteriti, e il meningococco, che colpisce il sistema nervoso. Per nostra fortuna, corrono in aiuto due grandi alleati: i vaccini e gli antibiotici, in grado di prevenire e curare molte brutte malattie batteriche.

BATTERI E ODORI CORPOREI

I batteri sono coinvolti nell’odore che noi esseri umani emaniamo, sia quelli più delicati, che quelli più pungenti e sgradevoli, come ad esempio quando andiamo in bagno o facciamo sport.

Batteri e flatulenze. Perché facciamo le puzzette e perché puzzano?
Quando mangiamo, soprattutto se abbiamo l’abitudine di masticare con la bocca aperta o di parlare mentre sgranocchiamo qualcosa, ingeriamo anche dell’aria. L’aria immagazzinata si somma ai gas prodotti proprio dai batteri della flora intestinale, i quali, presi ad aiutarci a digerire i nutrienti, liberano gas ricchi di sostanze puzzolenti, come l’ammoniaca.

Batteri e sudore. Cos’è l’odore di sudore e perché è fastidioso?
Il sudore è un liquido incolore, composto principalmente da acqua e sali minerali.
È prodotto dalle ghiandole sudoripare, sparse per tutto il corpo, in particolare sotto le ascelle, sulla fronte, sulle piante dei piedi ecc. Di per sé, il sudore è inodore quando è secreto dalle ghiandole. La colpa del cattivo odore sono proprio i batteri naturalmente presenti sulla cute.
Principale tra tutti è lo Stafilococco Hominis, il quale, nutrendosi dell’acqua e dei sali minerali del sudore, produce elementi maleodoranti, come lo zolfo.

CREATIVITÀ: PROVA A DISEGNARE UN BATTERIO

Ecco l’identikit di tre batteri famosi, riesci ad immaginarli e realizzare un disegno?

Escherichia coli, per gli amici E.Coli

  • Residenza: intestino umano
  • Forma: bastoncello
  • Super potere: dotato di pili (corti) e flagelli (lunghi), ovvero filamenti che gli permettono di ancorarsi e muoversi.
  • Buono o cattivo? Dipende! Si trova normalmente nel nostro intestino, ma alcuni ceppi, in alcune situazioni possono farci ammalare. Per questo è detto “opportunistico”.
  • Preda preferita: vie urinarie, causa le cistiti.

Lactobacillo, per gli amici probiotico

  • Residenza: intestino umano, yogurt
  • Forma: bacillo
  • Super potere: trasforma il latte in yogurt e aiuta il benessere della nostra pancia
  • Buono o cattivo? Decisamente buono!

Stafilococco

  • Residenza: vie aeree superiori (naso), cute
  • Forma: sferica, raggruppati in grappoli
  • Potere: è uno dei più grandi nemici degli antibiotici, impara sempre nuove tecniche di combattimento e contrastarlo è sempre più difficile.
  • Prede preferite: cute (es. causa brufoli), polmoni e sangue.
  • Buono o cattivo? Uno dei più cattivi!

RIASSUMENDO...

I batteri sono tanti, milioni di milioni, alcuni un po’ cattivi, altri molto buoni.
Molti possono farci ammalare, provocandoci dei brutti mal di gola o dei gran mal di pancia, ma tanti altri vivono insieme a noi, permettendoci di digerire al meglio quello che mangiamo.

Ecco alcuni consigli per aiutare i batteri buoni e contrastare quelli cattivi:

  • Lavarsi bene le mani col sapone, soprattutto dopo essere andati in bagno e prima di mangiare;
  • Evitare di masticare oggetti come matite o penne;
  • Mangiare frutta e verdura ed avere una dieta varia ed equilibrata, per mantenere l’equilibrio della flora intestinale;
  • Vaccinarsi contro batteri pericolosi, come quello della meningite, del tetano, della pertosse ecc.

FONTI