Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Che cos’è il ciclo dell’acqua?

Che cos’è il ciclo dell’acqua?

Stampa

Come fa l'acqua a cadere dal cielo? Come si formano i fiumi? Che cos'è un ciclo idrologico? Ve lo dice Focus Junior!

Il ciclo dell'acqua, o ciclo idrologico, descrive il flusso di cambiamenti di stato dell'acqua che avviene in natura ed è uno dei fenomeni più importanti per la presenza della vita, sia animale che vegetale, sul nostro pianeta.

 

Un vero cerchio di vita

Le molecole dell'acqua si muovono continuamente tra i veri stati all'interno dell'idrosfera (ossia l'insieme di tutte le acque presenti sulla Terra), quindi non esiste un vero punto di partenza per il ciclo idrologico; per facilitarne lo studio tuttavia, di solito si parte dal mare.

Dal mare all'aria

L'interruttore che innesca tutto è il Sole, il quale riscalda l'acqua del mare facendone evaporare una parte nell'aria (primo cambiamento di stato: evaporazione). Naturalmente l'evaporazione avviene anche per tutte le acque dolci ( laghi e fiumi) e per l'acqua traspirata da piante ed esseri viventi.

 

Le correnti d'aria sollevano quindi il vapore in alto, nell'atmosfera, dove la temperatura è più bassa ed il vapore si condensa in piccolissime goccioline (secondo cambiamento di stato: condensazione) che poi formano le nuvole.

L'acqua ricade sulla terra!

Le nuvole poi vengono spinte dal vento, scontrandosi le une con le altre e accrescendo la loro massa. Quando i nuovoloni diventano troppo grossi, le goccioline cadono dal cielo sotto forma di pioggia.

Pixabay

Se nella zona della precipitazione (cioè la caduta dell'acqua sotto qualsiasi forma; pioggia, grandine, neve ecc...) la temperatura si aggira intorno agli 0°C, l'acqua cade come neve e ad alta quota (sulle montagne) può accumularsi nei ghiacciai (terzo cambiamento di stato: solidificazione).

 

Questi ghiacciai, quando arriva la primavera, si sciolgono (quarto cambiamento di stato. liquefazione) e l'acqua tornata allo stato liquido fluisce per ruscellamento, o scorrimento, creando i fiumi.

Pixabay

I fiumi incanalano il flusso scorrendo dalle montagne giù fino a valle per poi sfociare nel mare (o in un lago o in altro fiume che poi, comunque finirà in mare).

 

Non tutto il ruscellamento  però scorre in superficie. Parte dell'acqua si infiltra in profondità nel suolo e rifornisce gli acquiferi (rocce saturate con acqua mobile che affiora in sorgenti o estraibile con pozzi o gallerie) che immagazzinano enormi quantità di acqua dolce sotterranea per lunghi periodi di tempo.  Tale fenomeno si chiama infiltrazione.

Primo o poi però anche quest'acqua "sotterranea" torna in superficie.

 

Il ciclo ideale si chiude quando l'acqua torna al mare e ricomincia il giro.

 

 

ULTIME NEWS