Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Metri, chili e moli: si cambia! Approvato il nuovo Sistema di Misura Internazionale

Metri, chili e moli: si cambia! Approvato il nuovo Sistema di Misura Internazionale

Stampa
Metri, chili e moli: si cambia! Approvato il nuovo Sistema di Misura Internazionale
Shutterstock

Alla 26ª Conferenza generale su pesi e misure, uno scrosciante applauso ha accolto l'epocale decisione di cambiare le definizioni delle unità di misura fondamentali. Nel quotidiano non ci cambierà granché, ma gli esperti affermano che la novità farà molto bene all'intero mondo scientifico!

Sicuramente la nostra vita di tutti i giorni non cambierà di una virgola, ma una piccola grande rivoluzione si è recentemente compiuta a Versailles, alle porte di Parigi

E no, questa volta non c'entrano re e ghigliottine!

Venerdì 16 novembre si è infatti riunita la 26ª Conferenza Generale su Pesi e Misure, l'organo del Bureau International des Poids et Mesures (ossia l'Ufficio Internazionale dei Pesi e delle Misure) e al termine della seduta finale si è deciso di passare definitamente al nuovo Sistema Internazionale delle unità di misura (SI).

Cosa vuol dire?

Per il salumiere abituato ad affettare un etto di prosciutto o per la sarta che deve misurare il giro-vita della sua cliente non cambierà nulla: il chilo sarà sempre il chilo e il metro sarà sempre il metro.

A cambiare saranno le definizioni delle sette unità di misura di base (chilogrammo, metro, secondo, ampere, kelvin, mole e candela), le quali verranno elaborate in "termini di costanti fondamentali della fisica".

Metro
Metro
Credits: Shutterstock

Le ragioni del cambiamento

Fino ad ora i riferimenti per le misurazioni erano esperimenti idealizzati o specifici oggetti costruiti con materiali speciali.

Il chilogrammo ad esempio, veniva calibrato in base al prototipo internazionale rappresentato da un cilindro di platino-iridio costruito nel 1875 e conservato Parigi.

Il peso di quell'oggetto ERA il chilogrammo per definizione!

Per quanto protetto e resistente però, qualsiasi materiale può deteriorarsi o venire danneggiato e in un epoca come quella moderna, dove i rilevamenti per le nuove sfide scientifiche devono essere precisi ben oltre il pensabile,  il sistema di misurazione deve essere assolutamente perfetto!

Le nuove unità di misura

Le nuove definizioni dunque terranno conto di parametri fisici assoluti e "immutabili", in modo da eliminare qualsiasi possibilità di errore!

Il "nuovo" chilogrammo, ad esempio, sarà definito in base alla costante di Planck, che mette in relazione le particelle con la loro energia e la massa, la mole (che misura la quantità di materia) sarà calibrata in base alle caratteristiche di una sfera di puro silicio e il Kelvin si avvarrà  della costante di Boltzmann, la quale lega energia e temperatura.

Così, se mai i riferimenti "materiali" delle unità di misura andassero perduti, la Scienza non ne risentirà!