Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > La dieta dei calciatori per fare subito gol

La dieta dei calciatori per fare subito gol

Stampa

È meglio la carne o il pesce? E i dolci si possono mangiare? Ai calciatori del campionato europeo non basta essere tecnicamente bravi per diventare i campioni che conosciamo. Ci vuole allenamento e una dieta equilibrata. Scopriamo insieme qual è.

Tutti i calciatori che vedete in campo per il campionato europeo di calcio non sono diventati così bravi e forti dalla sera alla mattina. Avevano una dote naturale, quella che si chiama talento, ma la loro corsa e i loro gol sono anche il frutto di un costante allenamento fisico e di una dieta equilibrata.

 

CALCIO E TECNOLOGIA: SCOPRI LE 5 MIGLIORI APP PER SEGUIRE GLI EUROPEI 2016

 

Eh sì, perché un calciatore appassionato di torte gelato e patatine fritte avrebbe tanti problemi, perché un’alimentazione sbagliata può essere una delle cause che provoca infortuni e affaticamenti muscolari.

 

Alamy

Per vincere: carboidrati, vitamine e minerali 

Allora, cosa mangiano i calciatori nei ritiri in Francia? La loro dieta deve rispettare le direttive del Ministero della Salute: durante il giorno, quando sono impegnati negli allenamenti, hanno bisogno di energia di rapida assimilazione per nutrire al meglio i muscoli, e quindi assumono cibi ricchi di carboidrati, vitamine e minerali.

E quindi, a colazione, frutta fresca in abbondanza (intera o frullata) e anche qualche verdura, e poi fette biscottate o pane (ma senza esagerare) con marmellata.

 

A pranzo un calciatore deve recuperare le energie spese nell'allenamento della mattina e prepararsi a quello del pomeriggio o alla partita, ed è importante non mangiare troppo ma scegliere i cibi giusti. 

I medici nutrizionisti consigliano un minestrone di verdure, ma anche un’insalata di verdura cruda, e come pasto principale un piatto a base di carboidrati come pasta, riso o cereali e legumi. 

Un frutto particolarmente indicato è la noce, perché contiene vitamina B e grassi vegetali, mentre è sconsigliata la carne. 

 

Alamy

Attenti a sale e zucchero 

Dopo una giornata con due lunghi allenamenti trascorsi a correre, a saltare, fare flessioni - pensate che fatica! - di sera c’è bisogno di una cena che prepari il corpo alla ristrutturazione muscolare e al recupero delle forze. E allora è finalmente arrivato il momento di un secondo piatto, che farà felici i calciatori appassionati di carne e pesce.

 

La carne, però, deve essere bianca: pollo, tacchino, coniglio, perché quella rossa ha troppi grassi e una struttura che rallenta la digestione. Si possono mangiare anche le uova, ma meglio solo il bianco. Da evitare gli insaccati (prosciutto, mortadella, salame...) e i formaggi.

 

Anche la sera, se si vuole, si può unire a questo menù della verdura cotta o cruda e qualche frutto.

Tra i consigli generali, i medici ricordano sempre di evitare il più possibile lo zucchero bianco e preferire il fruttosio o lo zucchero di canna. Anche con il sale bisogna stare attenti: un uso eccessivo infatti riduce la capacità di recupero e di assimilazione dei nutrienti. 

 

La dieta non basta

Con questa dieta ferrea i giocatori vincerà tutte le partite? Certo che no, perché deve essere preparato, allenato, concentrato e anche un pizzico di fortuna non guasta mai. Non può mai mangiare un hamburger o un dolce di cioccolato? Anche questo non è vero! Può farlo, ma deve essere per un’occasione speciale, solo una volta ogni tanto

 

Giochi anche tu a calcio o fai un altro sport? E allora non dimenticare i consigli del nutrizionista!