Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Esperimenti > Come fare il telefono di Meucci

Come fare il telefono di Meucci

Stampa

Il primo telefono, inventato da Antonio Meucci, era costituito da due coppie di campane di legno collegate da un filo. Prova a costruirne uno simile, per divertirti con gli amici e capire come funziona un telefono.

Avete mai provare a fare un telefono con due bicchieri e un filo? E siete riusciti a comunicare a distanza? Ecco come fare il telefono di Meucci, e cosa vi serve:

spago lungo 3 metri

due barattoli di latta

due pezzi di carta un po' più grandi dei barattoli

elastici grandi

acqua

 

Come si fa:

1. bagnate i due pezzi di carta e fissateli ben distesi con l'elastico a ciascun barattolo, dal lato aperto. Lasciateli asciugare così per un po'.

2. Quando sono asciutti, su entrambi fate un buco al centro e infilateci le estremità dello spago. Fissatele poi con un nodo dall'altra parte.

3. Ora allontanatevi: uno di voi parla nel barattolo (che in questo caso fa da microfono), anche sussurrando; l'altro ascolta mettendo il suo barattolo all'orecchio.

Attenzione: il filo deve essere ben teso. Fate varie prove, mettendovi anche dietro in un angolo, o socchiudendo la porta di camera vostra.

 

Come funziona?
Ora che sapete come fare il telefono di Meucci, è bene sapere anche come funziona tecnicamente: la nostra voce genera vibrazioni nell'aria. Il barattolo-microfono racchiude dentro se' queste vibrazioni e le "amplifica" facendo muovere impercettibilmente il filo a cui è collegato.

Così le vibrazioni della voce vengono riprodotte dallo spago e fanno muovere allo stesso modo la membrana di carta dell'altro barattolo a cui è collegato, cioè quello di chi ascolta.