Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ecologia > Riciclo > Far pagare i sacchetti di plastica… funziona!

Far pagare i sacchetti di plastica… funziona!

Stampa

Le coste dei mari della Gran Bretagna da quando i sacchetti di plastica sono diventati a pagamento sono un po' più pulite. Lo rivela una ricerca pubblicata su Science. Il risultato è incoraggiante, ma si studiano anche altre possibili cause: i cambiamenti di correnti marine o i nuovi materiali biodegradabili.

Un po' meno plastica in giro. Almeno sembrerebbe!

Il motivo? Potrebbe essere che i sacchetti di plastica sono diventati a pagamento. Da quando nella grande distribuzione in tutta Europa bisogna pagare per i sacchetti, per le acque della Gran Bretagna ne galleggiano ben un terzo in meno! Lo sostiene uno studio appena pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment.

 

La riduzione dei sacchetti di plastica nei rifiuti marini è cominciata a partire dal 2010 in poi. E in totale c'è stato un calo di circa il 30% dal periodo pre-2010.

Pixabay

Gli autori della ricerca spiegano che questo potrebbe essere dovuto a diversi fattori: sia l'introduzione in Europa di sacchetti a pagamento, sia al fatto che sono ora biodegradabili (quindi si deteriorano prima!), ma anche al cambiamento delle correnti marine.

 

Ma se il numero di sacchetti di plastica in mare è diminuito così tanto negli ultimi otto anni, sono aumentati però altri rifiuti di plastica trovati in acqua e raccolti durante la pesca. Una parte potrebbero però provenire, NON dal Regno Unito, ma da altre zone.

 

Lavorando insieme si possono ridurre i rifiuti marini

Il co-autore dello studio Thomas Maes, che è uno scienziato che si occupa di rifiuti marini presso il Centro per l'ambiente del governo inglese, ha spiegato alla BBC (la principale emittente radiotelevisiva di servizio pubblico del Regno Unito) che "è incoraggiante vedere che gli sforzi di tutta la società, pubblico, industria, Ong e governo, per ridurre i sacchetti di plastica stanno avendo un effetto. Abbiamo osservato cali netti nella percentuale di sacchetti di plastica catturati dalle reti da pesca a strascico in tutto il Regno Unito rispetto al 2010 e questa ricerca suggerisce che lavorando insieme possiamo ridurre, riutilizzare e riciclare e affrontare così il problema dei rifiuti marini".

 

ULTIME NEWS