Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Curiosità scientifiche > Vedere facce dove non ci sono: cos’è la pareidolia

Vedere facce dove non ci sono: cos’è la pareidolia

Stampa

Se vi è capitato di riconoscere facce o forme tra le nuvole o sulle rocce, sapete già cos'è la pareidolia.

Se vi è capitato di riconoscere facce o forme tra le nuvole o sulle rocce, sapete già cos'è la pareidolia.

Ma come funziona questo fenomeno?

Persino nella spazzatura.
Credits: wikicommons

La pareidolia è la tendenza del cervello umano a riconoscere oggetti familiari in qualcosa che guardiamo e a cui inizialmente non riusciamo a dare una forma precisa.

Succede per esempio con le nuvole, che hanno un aspetto molto astratto e in cui spesso ci capita di vedere cuori o anche animali; o nel fumo, nel fuoco o nelle ombre.

Nuvola o cavallo?
Credits: ipa agency

Fenomeni di pareidolia capitano specialmente quando i bordi di quello che si sta guardando non sono ben definiti; ma anche con altri tipi di “facce“ come quelle in queste foto.

Qualsiasi coppia di oggetti uguali e adiacenti possono sembrare due occhi: uova, rotoli di
carta, telecamere, viti e finestrini di una jeep.

Bocca chiusa!
Credits: wikicommons

Le espressioni di queste facce, dai sorrisi, alle
espressioni di sorpresa e paura, dipendono dalla forma dei “buchi”.

Adesso avete capito cos'è la pareidolia e come funziona?

Provate anche voi a costruire immagini di pareidolia e mandateci le vostre creazioni!