Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Natura > Corpo umano > Lo sapevi che? | Perché per prendere la mira si chiude un occhio?

Lo sapevi che? | Perché per prendere la mira si chiude un occhio?

Stampa
Lo sapevi che? | Perché per prendere la mira si chiude un occhio?
Ipa-agency

Hai un occhio chiuso ma ci vedi benissimo, anzi... centratissimo! Scopriamo insieme perché, per prendere la mira, chiudiamo un occhio. Tu quale occhio chiudi per lanciare le freccette?

Ma se dobbiamo mirare, perché chiudiamo un occhio? Due non è meglio di uno?

La spiegazione risiede nel complesso funzionamento del nostro corpo!

Vista e cocchi "dominanti"

L'occhio destro e quello sinistro mandano al nostro cervello due immagini leggermente differenti: una cosa normale, visto che si trovano in posizioni diverse. Noi, naturalmente, non ce ne accorgiamo e non vediamo due immagini sdoppiate, bensì un'unica immagine.

Infatti il cervello sfrutta la distanza tra un occhio e l'altro per costruire un'immagine vera della realtà, ossia un'immagine in 3D , ottenuta fondendo l'immagine dell'occhio destro e sinistro in un'unica immagine tridimensionale. Resta però il fatto che i due organi vedono in modo diverso: il cosiddetto occhio dominante  (di solito il destro, se non si è mancini), " punta" gli oggetti e comanda la visione, l'altro, invece, completa il campo visivo dandogli profondità.

Solo l'occhio destro, dunque, è allineato con gli oggetti che guardiamo: ed  ecco perché conviene prendere la mira con quello , chiudendo il sinistro per non avere elementi di disturbo.

Volete scoprire qual è il vostro occhio dominante?

Fate così: con il braccio teso alzate l'indice di fronte a un oggetto distante almeno un paio di metri. Poi, senza muovere il dito, chiudete prima un occhio e poi l'altro: l'occhio dominante mantiene l'allineamento, con l'altro occhio aperto, l'oggetto si sposta di lato .