Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Curiosità scientifiche > Il triangolo delle Bermuda: il mistero… che non c’é

Il triangolo delle Bermuda: il mistero… che non c’é

Stampa
Il triangolo delle Bermuda: il mistero… che non c’é
Shutterstock

Nell’Oceano Atlantico, tra Miami, Porto Rico e le isole Bermuda, esisterebbe una zona nota come “Triangolo delle Bermuda”, dove un numero inspiegabilmente alto di navi ed aerei sarebbe scomparso. Ma sarà tutto vero?

Nell’Oceano Atlantico, tra Miami, Porto Rico e le isole Bermuda, esisterebbe una zona nota come “Triangolo delle Bermuda” o "Triangolo del diavolo", che è famosa per la sua forma particolare e per una reputazione che si potrebbe quasi definire “maledetta”, perché, si dice, che un numero inspiegabilmente alto di navi e aerei sarebbe scomparso.

La sua estensione è di circa 1.100.000 km² e, essendo un triangolo, questa porzione dell'oceano tocca tre punti di terraferma: a nord confina con la costa più meridionale dell'arcipelago delle Bermuda, a sud con il punto più occidentale del Puerto Rico e ad ovest con il punto più a sud della penisola della Florida.

LA REALTÀ DIETRO I MISTERI DEL TRIANGOLO DELLE BERMUDA

In molti hanno parlato di mostri marini, deformazioni dell’arco temporale, vortici magnetici, rapimenti alieni... E poi c’è chi ha indagato su ogni singola sparizione e ha scoperto che:

  • Diverse navi e aerei furono le probabili vittime di mare grosso e tempeste, come confermato dai sopravvissuti o dai bollettini metereologici.
  • Molti infortuni ebbero luogo di pomeriggio o di notte, rendendo così impossibile effettuare ricerche immediate da parte dei soccorritori e dando così al mare molte ore di vantaggio per disperdere gli eventuali relitti.
  • Alcune navi e aerei non si trovavano nemmeno nel Triangolo al momento dei loro incidenti: alcuni erano vicini al Canada, altri nel Golfo del Messico, altri addirittura vicini alla Norvegia e al Portogallo.
  • Alcune navi indicate come scomparse, in realtà sono tutt’ora circolanti.
  • Diverse navi e aerei inclusi nella lista, al contrario, non sono mai esistiti. Alla fine, le scomparse “misteriose” sono solo tre: quelle per cui, semplicemente, non è stato possibile trovare maggiori informazioni.

UN BUFALA

Quella del Triangolo delle Bermuda è un’invenzione di alcuni scrittori, che se ne sono serviti per ricavare enormi guadagni con i loro libri.

ASSICURAZIONI COSTOSISSIME

Se davvero fosse pericoloso quel tratto di mare, le assicurazioni sarebbero costosissime: invece, sono uguali a quelle di qualunque altra zona di mare simile.

1950

È l’anno in cui viene citato per la prima volta il “Triangolo delle Bermuda”