Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Curiosità scientifiche > Come mai nelle conchiglie si sente il mare?

Come mai nelle conchiglie si sente il mare?

Stampa

Sono forse uno scrigno magico che racchiude le onde da cui proviene? Da dove arriva il suono del mare nascosto nelle conchiglie? Te lo spiega Focus Junior!

Ti sei mai chiesto perché nelle conchiglie si sente il mare? Tutti quanti noi, almeno una volta, abbiamo accostato una conchiglia all'orecchio e abbiamo sentito il rumore forte delle onde del mare? Perché succede?

Una conchiglia funziona da cassa di risonanza, amplificando, quando la "ascolti", i suoni dell'ambiente che ti circonda. Il suono dell'oceano che senti quindi è in realtà prodotto dal rumore che è presente nell'ambiente in cui sei, cioè... al mare ma... più forte! Se provi ad sentire il suono del mare in una conchiglia quando sei in città, infatti, non ci riesci, perché non c'è il mare: sentirai, invece, per esempio, il traffico delle macchine, o la folla che chiacchiera se ti trovi in un bar.

Non hai una conchiglia? Prova con un altro oggetto, dalla forma concava: prendi, per esempio, una tazzina, o un bicchiere e appoggialo all'orecchio. Cosa senti?

Quei fruscii non sono altro che piccole correnti d’aria che entrano e vibrano all’interno della conchiglia, lasciata vuota dal mollusco che la abitava, e producono un’eco.

Come tazzine e bicchieri, anche la conchiglia è fatto di materiale duro. Si chiama carbonato di calcio, e serve a  sostenere i corpi estremamente molli degli animali che ci abitano dentro.

Le conchiglie infatti sono le case "mobili" di molluschi, come vongole, telline paguri e cozze.