Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itScienzaNaturaCorpo umanoChe cos’è il déjà vu?

Che cos’è il déjà vu?

Stampa
Che cos’è il déjà vu?
Ipa-agency

Ti è mai capitata quella sensazione per cui ti sembra di avere già visto o di avere già vissuto una certa situazione? Sì? Bene, si chiama déjà vu e, se vuoi capirne di più, leggi il nostro articolo!

È capitato a tutti almeno una volta nella vita: avere l’impressione di vivere qualcosa che si è già vissuto. Tecnicamente, questa esperienza è chiamata “déjà vu”, espressione francese che significa letteralmente “già visto”. Qualcosa, appunto, che sembra essere già accaduto. Si tratta a volte di un attimo, una frazione di secondo, eppure la sensazione è molto forte e sembra davvero reale. Ma che cos’è il déjà vu e perché succede? 

Che cos’è il déjà vu

Sei coi tuoi genitori in auto e state parlando di una cosa qualsiasi: ti sembra di vivere una scena già vissuta? Ecco un déjà vu! Arrivi in un luogo nuovo e ti sembra di esserci già stato, o stata, e invece è sicuro che non sia così? Déjà vu! Il déjà vu non è altro che questo: avere la sensazione che quello che sta accadendo sia già successo. In genere non si tratta di grosse esperienze ma di brevi momenti, come di una sensazione passeggera, per questo nel tempo c’è chi ha avuto la tentazione di associare il déjà vu a qualcosa di magico o mistico. Ma qual è la verità e perché si verificano i déjà vu?

Déjà vu e credenze popolari: profezia o vita passata?

Nel tempo, a questo fenomeno sono state date molte interpretazioni non scientifiche. Proprio la caratteristica del déjà vu, questo senso cioè di “già visto”, porta a conferirgli una sorta di soprannaturalità, come fosse quindi un evento non terreno. 

Alcune ipotesi sostengono inoltre che il déjà vu possa essere una sorta di precognizione o chiaroveggenza, e che quindi chi lo sperimenta abbia in qualche modo delle capacità di prevenire i fatti. Ma la scienza ha dimostrato che non è così!

Il déjà vu secondo la scienza

Il termine déjà vu è stato coniato da uno psicologo francese, Émile Boirac, che all’inizio del Novecento lo citò per la prima volta nel suo libro L’Avenir des Sciences Psychiques (Il Futuro delle Scienze Psichiche). Da allora, il fenomeno è stato molto studiato, per arrivare infine alla conclusione che si tratti di un’anomalia della nostra memoria. In pratica, il déjà vu non è altro che un evento di paramnesia.

Fino a qualche tempo fa si pensava che il il déja vu fosse un fenomeno psichico riguardante i casi di alterazione dei ricordi.

Secondo tale interpretazione, quando dei fatti casuali che riguardano cose, animali o persone entrano in contatto con la nostra memoria, essi provocano la sensazione di aver già vissuto prima quella precisa esperienza: come se si confondessero i ricordi!

Altri invece affermavano che i déja vu fossero solo la conseguenza di sogni dimenticati prima del risveglio ma che, tuttavia, lasciano qualche traccia pronta a emergere al momento opportuno.

Il déjà vu è come un antivirus del cervello!

Ma c’è molto di più: nel 2016 un team di scienziati coordinati dal Dott. Akira O'Connor ha esposto una teoria che per molti addetti ai lavori ha definitivamente svelato l’arcano riguardo a questo particolare e affascinante fenomeno della mente.

Secondo la ricerca ripresa anche dall'autorevole rivista "New Scientist", il il déjà vu altro non sarebbe che l'effetto provocato dal nostro cervello intento a "verificare" lo stato della nostra memoria, come una specie di antivirus che scansiona i dati e controlla che tutto sia a posto.

In pratica la sensazione di aver già vissuto un momento sarebbe il segnale del fatto che il cervello ha trovato un errore, un contrasto tra ciò che si è realmente visto e ciò che invece pensiamo solo di aver vissuto.

Déjà vu e ansia

Ma c’è anche un risvolto negativo riguardo ai déjà vu: in alcuni casi, potrebbe trattarsi di un evento correlato a disturbi mentali come la schizofrenia o, più banalmente, l’ansia: capita a chi soffre spesso di ansia di avere frequenti esperienze di déjà vu, soprattutto in presenza di attacchi di panico. 

La scienza ha poi elencato diversi altri fenomeni collegati al déjà vu, come il déjà rêvé, cioè la sensazione di vivere ciò che si è sognato; il déjà vécu, cioè l'impressione di aver vissuto quel che si sta vivendo (molto simile, in realtà, al déjà vu); il presque vu, quasi visto, riconducibile alla sensazione di avere qualcosa sulla punta della lingua. La lista continua con altri eventi simili, déjà visité (visitato), senti (provato, a livello fisico e/o mentale) e ancora éprouvé (che si è già provato a fare). 

Infine, un altro fenomeno che potrà interessarti è quello che viene chiamato in ambito psicologico “esprit de l’escalier”: quando dopo una discussione ripassi mentalmente quel che hai detto e trovi risposte alternative, probabilmente migliori. 

Il déjà vu è un evento che non ha niente a che fare con la premonizione e la magia, ma un fenomeno del cervello legato alla memoria!

Il déja vu è un bel segno: vuol dire che la nostra mente è efficiente!

GUARDA IL NOSTRO VIDEO SULLE 10 CURIOSTÀ SUL CERVELLO UMANO!

CATEGORY: 1