Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Cosa sono i colori primari, secondari e terziari?

Cosa sono i colori primari, secondari e terziari?

Stampa
Cosa sono i colori primari, secondari e terziari?
Shutterstock

Che cosa sono i colori primari, secondari e terziari? Facciamo un veloce ripasso!

I colori vengono classificati in colori primari, colori secondari e colori terziari, complementari. Cosa significano questi termini? Scopriamolo insieme! E divertiamoci con i colori.

QUALI SONO I COLORI PRIMARI?

I colori primari sono i colori di base dai quali si ottengono, mescolandoli, tutti gli altri. Questi colori sono i mattoni di tutti i colori e sono considerati "assoluti" perché non si possono ottenere con nessuna mescolanza.

I colori primari sono:

  • Il rosso, o meglio, il magenta (che è una tonalità di rosso)
  • Il blu, o meglio, il ciano (tonalità di blu)
  • Il giallo

Un pittore senza soldi, dunque, in teoria può resistere per tanto tempo solo avendo nella sua scatola cinque tubetti di colori: i tre colori primari e il bianco e il nero! Perché? Ora lo capirete.

QUALI SONO I COLORI SECONDARI?

I colori secondari, invece, si ottengono mescolando due colori primari. Ecco come si formano:

  • Giallo + Rosso = Arancione
  • Giallo + Blu = Verde
  • Rosso + Blu = Viola

Ogni coppia di colori primari genera un colore secondario. A questo punto il nostro ipotetico pittore ha ottenuto, mescolando le coppie di primari, i sei colori fondamentali della nostra ruota dei colori che, uniti al bianco e nero, sono gli unici colori disponibili in natura. Tutti gli altri colori non sono altro che una versione più o meno accesa e più o meno chiara di questi colori.

QUALI SONO I COLORI TERZIARI?

Mischiando un colore secondario con il primario otteniamo infine un colore terziario. Ecco alcuni esempi:

  • Giallo + Verde = Verde giallognolo
  • Giallo + Arancio = Giallo aranciato
  • Rosso + Arancio = Rosso aranciato
  • Rosso + Viola = Rosso violaceo
  • Blu + Verde = Blu verdastro
  • Blu + Viola = Blu violaceo

La creazione dei colori primari, secondari e terziari è stata formalizzata da Johannes Itten, il quale che lavorava in una scuola di architettura, arte e design che è stata importantissima per l'arte del Novecento, ovvero la Bauhaus.

Nell'immagine qui sotto potete vedere il cerchio cromatico che il pittore ha realizzato e che serve da punto di riferimento per chiunque usi i colori e le loro sfumature e tonalità differenti.

colori primari, secondari e terziari, il cerchio cromatico di itten

COSA SONO I COLORI COMPLEMENTARI?

I colori complementari sono colori che si trovano nelle posizioni opposte del cerchio cromatico. Sono cioè colori opposti che, se mescolati insieme, danno un colore grigiastro tendente al bianco. Inoltre, è interessante notare come il complementare di un colore primario è sempre un colore secondario, il quale è composto dalla somma degli altri due colori primari. Un esempio?

Il colore complementare del rosso è il verde (colore secondario), il quale si ottiene mixando giallo e blu (gli altri due primari). Il complementare del blu è invece l'arancione, che si ottiene mischiando rosso e blu!

Nelle arti è importante conoscere questa regola perché i colori complementari se sono messi vicini regalano un effetto visivo più intenso, mentre se vengono mescolati tra loro si annullano in un mix che tende al grigio.

LEGGI ANCHE

Colori caldi, colori freddi: qual è la differenza?

Perché il mondo è a colori? Ce lo spiega la scienza