Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Cioccolato | Perché fa male a cani e gatti

Cioccolato | Perché fa male a cani e gatti

Stampa

Il cioccolato, uno dei dolci più golosi per l'uomo, può essere un micidiale pericolo per i nostri amici a quattro zampe. Scopriamo perché.

Molti padroni di animali domestici , di fronte agli occhioni imploranti del proprio amico peloso che fanno capolino da sotto il tavolo da pranzo, proprio non resistono e, impietositi,  gli concedono un boccone . Ebbene fate attenzione, perché ciò che per noi è salutare,  per i nostri animali potrebbe essere pericoloso .

 

Cioccolato? No grazie

Esempio conclamato è il cioccolato , squisito e irresistibile derivato del cacao, che però crea seri problemi all'organismo di cani e gatti . Il cacao, infatti, contiene una molecola chiamata teobromina, un alcaloide (sostanza organica vegetale) la cui composizione chimica è molto simile a quella della caffeina ; dareste mai un espresso al vostro cane ? Probabilmente no, perché caffeina, e allo stesso modo la teobromina, innescano delle reazioni chimiche che agiscono sui ricettori del cervello , scombinando la regolazione del ritmo sonno-veglia e provocando l'aumento di afflusso di ossigeno, nonché il battito cardiaco.

 

Per gli esseri umani questi effetti sono secondari e anzi, pur senza esagerare, tali reazioni aiutano a sostenere sforzi fisici o a stare più svegli.  Il metabolismo di cani e gatti, però, non funziona come il nostro  e, dal momento che la teobromina non viene assimilata a dovere, l'azione della sostanza dura più a lungo,  danneggiando il loro sistema nervoso .
Nel giro di 6/12 ore l'animale comincerà a sentirsi male , con sintomi quali respiro affannoso, tachicardia, febbre, diarrea, vomito e, in certi casi,  pericolose convulsioni
Per un cane, le dosi letali di teobromina  sono di  300 milligrammi per ogni kg  di peso, mentre per l'uomo si arriva a  1.000 mg per 1 kg . È questo il motivo per il quale noi umani non abbiamo problemi a mangiare cioccolato mentre i quattrozampe sì.

 

È interessante notare che  il cioccolato fondente contiene più teobromina   (1,4% circa) di quello al latte (0,02%). Tuttavia, indipendentemente dal tipo di cioccolato e dalle dosi, il   cacao non deve essere assolutamente dato ai cani   poiché, anche se assunto in dosi non letali,   creerà loro comunque degli scompensi fisici
I gatti, invece, sono più fortunati  perché, anche se con la teobromina hanno gli stessi problemi dei cani,  si tengono naturalmente alla larga dai sapori dolci , quindi non rischiano di assaggiare per sbaglio  bocconi pericolosi .
Fonte: iflscience.com

 

ULTIME NEWS