Categories: Scienza

Carta: come si fa e come si usa

Ci racconta storie, ci aiuta a trasportare i nostri acquisti, avvolge regali, decora, assorbe, diverte… Che vita sarebbe senza questo prezioso materiale? Vediamo in queste pagine come nasce la carta, perché è importante riciclarla e alcune curiosità sulla sua antichissima storia!

COME SI PRODUCE LA CARTA?

Tutto inizia in un bosco (o in una piantagione) dove si selezionano gli alberi dal legno più tenero. Privato di rami e corteccia rimane il cuore del tronco, la sua parte più fibrosa: caratteristica, questa, che permette alla carta di assorbire liquidi come l’inchiostro!

Dopo essere stato macinato in piccoli pezzetti, il legno viene mescolato con acqua e additivi chimici. Si ottiene così una pasta di fibre di cellulosa che viene sbiancata per ottenere un bianco pulito. Alle fibre di cellulosa possono essere aggiunti altri componenti naturali come cotone, canapa, lino, bambù

Si arriva così ai momenti finali: la pressatura e l’essiccazione. Ora la carta è pronta per accogliere le righe di una storia, per diventare un biglietto di auguri… e anche per prendere il volo!

LA CARTA… IN NUMERI

  • 79.000: è il numero, all’incirca, dei fogli che si possono produrre a partire da un solo tronco. Ma serve lo stesso tantissimo legno per soddisfare il fabbisogno mondiale di carta!
  • 11% del totale: è la percentuale di legno che l’industria utilizza per la produzione di carta e cartone.
  • 7: Il numero massimo di volte in cui può essere piegato a metà un foglio di quaderno. Provare per credere!

L’IMPORTANZA DEL RICICLO

Per limitare il consumo di questa importante risorsa, soltanto una parte della nuova carta prodotta (circa il 40%) è costituita da fibre di legno vergini. La carta che viene riciclata ogni singolo secondo, dunque è tantissima, e un foglio può essere recuperato fino a sette volte: che cosa diventerà la pagina di brutta che hai cestinato stamattina, dopo l’ora di inglese?

CHI HA INVENTATO LA CARTA?

I libri di storia attribuiscono l’invenzione ai cinesi, per la precisione a un certo T’sai Lun , un funzionario imperiale che nel Medioevo elaborò un sistema per ricavare dei fogli a partire da pezzi di stoffa usata. Nel tempo poi la lavorazione della carta si affinò, impiegando fusti di bambù o paglia di riso per ricavare materiali maggiormente adatti a diventare un supporto dove poter scrivere con facilità.

This post was last modified on 5 aprile 2022 14:44

Share
Published by

Recent Posts

La sonda Juno ci mostra Europa come non l’abbiamo mai vista

La luna di Giove è uno dei corpi celesti più interessanti del nostro Sistema solare,…

3 ottobre 2022

Scuole nel mondo: come si studia negli altri Paesi?

Paese che vai, scuola che trovi: ecco tradizioni, regole e curiosità sulle scuole di tutto…

3 ottobre 2022

Tutto sulle formiche: caratteristiche, comportamento e popolazione

Vivono in colonie, sono presenti in quasi tutto il mondo e forse non sono così…

3 ottobre 2022

Curiosità animali: perché i pinguini non volano?

Sono uccelli, ma non volano: i pinguini sono i più famosi, ma ne esistono tanti…

3 ottobre 2022

I mostri di Halloween: storie e travestimenti

Vampiri, fantasmi, zombi sono i personaggi che popolano la festa più paurosa dell’anno. Qual è…

3 ottobre 2022

Halloween in Italia e nel mondo: i segreti di una festa che ci appartiene (anche se non lo sappiamo)

Halloween, la festa più diffusa al mondo è alle porte e si annuncia quest’anno più…

3 ottobre 2022
Loading