Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Vulcani > Quali sono i vulcani attivi in Italia? I “magnifici” 10

Quali sono i vulcani attivi in Italia? I “magnifici” 10

Stampa
Quali sono i vulcani attivi in Italia? I “magnifici” 10

Se abitate nelle regioni meridionali d'Italia potreste avere come... vicino di casa un vulcano. Ma quanti sono, e quali, i vulcani più irrequieti presenti nel nostro stivale? E sono pericolosi?

In Italia esistono almeno 10 vulcani attivi, ossia che si sono "risvegliati" almeno una volta negli ultimi 10 mila anni: Etna, Stromboli, Vesuvio, Ischia, Lipari, Vulcano, Pantelleria, Colli Albani, Campi Flegrei, Isola Ferdinandea.

Gli unici due che per il momento danno eruzioni continue, separate da brevi intervalli, sono però l'Etna e lo Stromboli.

L'ETNA

L'Etna (chiamato anche Mongibello, o 'A Muntagna, dai siciliani), sorge sulla costa orientale della Sicilia, nella provincia di Catania, ed è il più alto vulcano d'Europa con i suoi oltre 3.300 metri d'altezza. Erutta sia dai quattro crateri sommitali, sia dai fianchi, a intervalli che possono durare dai pochi mesi ai 20 anni, ed ha un'attività sia effusiva (con colate di magma basaltico, molto liquido) sia esplosiva : non di rado, cioè, "sputa" fitte colonne di cenere e gas visibili anche dallo Spazio, e scaglia tutt'intorno le rocce prodotte dalle sue eruzioni (piroclasti).

L'Etna
L'Etna
Credits: Shutterstock

Tenuto sotto stretto controllo dai geologi dell'INGV, l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è abbastanza prevedibile da non costituire un grosso pericolo per chi vive alle sue pendici (che verrebbe immediatamente allontanato in caso di rischiose eruzioni).  Nel 2013 è stato dichiarato dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità.

LO STROMBOLI

Sempre in Sicilia, nell'arcipelago delle Isole Eolie, troviamo lo Stromboli, un vulcano che emerge dal mare e  ha un'attività eruttiva molto caratteristica: espelle, a intervalli regolari, brandelli di magma incandescenti fino ad altezze di poche centinaia di metri (attività stromboliana ). Lava e piroclasti si riversano in mare attraverso un ripido pendio di questa montagna, chiamato "Sciara del fuoco" (ossia "strada del fuoco").

Il vulcano Stromboli
Il vulcano Stromboli
Credits: Shutterstock

IL VESUVIO

Vulcani silenti, ma non per questo non pericolosi, sono il Vesuvio e l'area dei Campi Flegrei. Il Vesuvio , o più propriamente Somma-Vesuvio, situato nella provincia di Napoli, è uno dei vulcani più studiati al mondo. Le sue eruzioni, di natura esplosiva, possono scagliare gas, cenere e vapori ad altissima velocità a centinaia di chilometri di distanza, come accadde nella famosa eruzione del 79 d.C. , che seppellì le vicine città di Pompei ed Ercolano sotto una nube di cenere e rocce pomici.

La sommità del Vesuvio
La sommità del Vesuvio
Credits: Shutterstock

Il vulcano è in "letargo" dal 1944, ma perfettamente attivo; la sua pericolosità è determinata dal fatto che sorge in un'area densamente abitata, in cui risiedono milioni di abitanti.

Nell'area di Napoli sorge un'altra area vulcanica ad alto rischio, ma per ora silente, quella dei Campi Flegrei : l'ultima eruzione in questo territorio, tenuto costantemente sotto monitoraggio, risale al 1538; in compenso è qui attivo un fenomeno periodico di sprofondamento e sollevamento del suolo noto come bradisismo .

Sei affascinato dal mondo dei vulcani? Scopri anche come sono fatti e dove si formano
E per finire, guarda queste fantastiche  foto dell'Etna, un vulcano Patrimonio dell'Umanità  pubblicate sul sito del nostro fratellone Focus.

GUARDA IL VIDEO SULLE 5 COSE CHE NON SAI SUI VULCANI