Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Giornata Mondiale del Suolo: il 5 dicembre si celebra la Madre Terra!

Giornata Mondiale del Suolo: il 5 dicembre si celebra la Madre Terra!

Stampa
Giornata Mondiale del Suolo: il 5 dicembre si celebra la Madre Terra!
Shutterstock

Il World Soil Day è nato nel 2014 per ricordare a tutti l'importanza del terreno sui cui poggia la nostra intera esistenza. L'edizione di quest'anno è dedicata al tema dell'inquinamento

Il 5 dicembre è il World Soil Day, la Giornata Mondiale del Suolo che nel 2014 venne istituita dalla Food and Agricolture Organization (FAO) delle Nazioni Unite per promuovere il vitale ruolo giocato dal terreno nello sviluppo e nel mantenimento della vita sul nostro pianeta.

Se infatti la terra perdesse le proprie qualità, le piante perirebbero, le coltivazioni si seccherebbero e l'umanità morirebbe di fame!

Ma com'è nata questa giornata?

Origini del WSD

Nel 2002 l'organo scientifico International Union of Soil Sciences (IUSS) raccomandò l'istituzione di una giornata internazionale per celebrare l'importanza del suolo.

La FAO e una commissione guidata dal Re della Thailandia Rama IX (detto "il Grande") si prodigarono duramente per vedere la nascita di un World Soil Day riconosciuto ufficialmente e nel 2013, finalmente, si ottenne il via libera per l'anno successivo.

La scelta del 5 dicembre come data per il WSD fu un omaggio al Re thailandese, che compiva gli anni proprio quel giorno.

Inquinamento del suolo
L'inquinamento del suolo avvelena il nostro cibo e ammazza le coltivazioni. Un bel problema, visto che la popolazione mondiale è in costante aumento!
Credits: Shutterstock

Nel 2018

Il focus dell'edizione di quest'anno è ricaduta sul serio problema dell'inquinamento.

L'hastag #StopSoilPollution (che si traduce con "fermiamo l'inquinamento del suolo") veicola infatti un concetto tanto semplice quanto importante: di questo passo, l'inquinamento dei terreni porterà l'umanità a compiere scelte drastiche e in ballo ci sarà la sua stessa permanenza sul pianeta.

Un terzo del suolo terrestre è già stato compromesso!

Occorre dunque riflettere - sì, anche noi, nel nostro piccolo - per invertire subito la rotta.