Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Ecosistema > Il nuovo albero della vita: predominio dei batteri!

Il nuovo albero della vita: predominio dei batteri!

Stampa

Ridefinito lo schema delle creature viventi del pianeta, con i batteri che surclassano piante, animali e umani!

L'albero della vita è la "mappa" degli abitanti della Terra differenziate per specie e tipologia di organismo , ed è stato aggiornato da Laura Hug e Jillian Banfield , delle Università di Waterloo (Canada) e della California.
Questo schema rappresenta la complessità e l'evoluzione di tutti gli esseri viventi presenti sul nostro pianeta ed è un concetto sviluppato per primo da Charles Darwin il padre della teoria evoluzionistica (ovvero: le specie animali, quindi anche l'uomo, che conosciamo sono frutto di radicali cambiamenti avvenuti nel corso di migliaia di anni). 
Darwin infatti era convinto che tutte le forme di vita, anche se evolute in maniera differente , abbiano delle radici in comune . Come in un albero quindi, lo scienziato disegnò diverse ramificazioni a significare le molteplici strade prese dal percorso evolutivo (Es:organismi monocellulari/ organismi pluricellulari, mammiferi-scimmia-uomo...).

 

Sono i batteri i veri padroni del mondo!

Con le innovazioni tecnologiche e la possibilità di analizzare il DNA, che contiene il progetto genetico di ogni singolo organismo, la scienza ha potuto mano a mano aggiornare l'albero della vita originario, fino alle fattezze odierne delineate dai team universitari canadesi e californiani.
Nell'ultima versione, si mostra chiaro come  ciò che vediamo non sia che una minuscola porzione della biodiversità terrestre , con una predominanza schiacciante dei batteri, di molti dei quali non si conosceva neppure l'esistenza.
Questi organismi, che fino a pochi decenni fa non venivano nemmeno catalogati (si considerava solo il regno animale e quello vegetale), sono composti da cellule che non hanno un nucleo che contenga il loro DNA (sono quindi cellule procariote ) e presentano migliaia di specie nell'intero globo, benché per noi fosse fino a poco tempo fa molto difficile individuarli, a causa dell'impossibilità di farli crescere in culture artificiali.
Negli ultimi anni però gli scienziati sono riusciti ad isolare  1.011 genomi di altrettanti organismi, i dati dei quali, insieme ad altre 2.072 specie conosciute, sono stati immessi in un potente computer che ha infine elaborato il modello di albero più consono a descrivere la nuova complessità dei viventi.

 

Il nuovo albero della vita

Nella nuova mappa, possiamo vedere tre principali ramificazioni: gli  eucarioti , organismi formati da cellule dotate di nucleo (animali, uomini, piante, funghi e protozoi); i batteri, privi di nucleo e presenti in tutti gli ecosistemi, e gli archaea , microbi che vivono in ambienti estremi.
Gli uomini, gli animali e le piante, occupano solo una piccola parte (in basso a destra) del grande albero della biodiversità!
Fonte: Università di Waterloo  e Università della California
di Niccolò De Rosa