Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Ecosistema > I peggiori ingorghi stradali della storia

I peggiori ingorghi stradali della storia

Stampa

Vi siete mai trovati in un ingorgo, con i vostri genitori che si spazientiscono per il tempo perso fermi in coda? Se vi capita di nuovo, raccontate loro che una volta, per liberarsi da un ingorgo, ci vollero...

A chi non è mai capitato? Magari andando al mare o in montagna per un weekend di relax oppure a divertirsi dopo le fatiche di un anno di scuola.

Per tradizione, in Italia, i fine settimana in prossimità delle feste di Natale, di Pasqua, quelli del mese di luglio e dell'inizio di agosto sono critici per il traffico: milioni di italiani partono tutti assieme in auto creando, spesso, ingorghi tremendi e danneggiando tantissimo l'ecosistema con i gas di scarico delle auto.

Code da record

Ma anche all'estero non scherzano affatto. In Germania , per esempio, quando nel 1989 venne decisa la riunificazione tra la  Germania Ovest e la Germania Est, venne abbattuto il muro che, dal 1962, aveva diviso le zone a est e a ovest  di Berlino . Subito, e per mesi, milioni di tedeschi si ammassarono alla frontiera per passare dall'altra parte,  visto che per i 28 anni precedenti era stato vietato passare quel confine. Il culmine si raggiunse il 12 aprile  1990, quando si formò una coda di oltre un milione e mezzo di veicoli .

 

La storia si ripete (e l'ingorgo pure)

Dieci anni prima, in Francia, fu una serie di incidenti a creare 176 km di coda in autostrada tra Lione e Parigi!  E in Cina, a causa di lavori stradali, nel 2010 si è formato un ingorgo lungo 110 km: per smaltirlo ci sono voluti  più di dieci giorni!

Siete mai rimasti bloccati in un ingorgo tremendo? Che cosa avete fatto per passare il tempo in auto?