Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Ecosistema > “Come salvare gli oceani? Educando i giovani!”

“Come salvare gli oceani? Educando i giovani!”

Stampa
“Come salvare gli oceani? Educando i giovani!”
YouTube

Il documentarista Fabien Cousteau, nipote del celebre esploratore Jacques, ha fondato un'associazione per far conoscere le meraviglie del mondo subacqueo ai più giovani, nella speranza che diventino i primi difensori dell'habitat oceanico. Scopri tutto, leggi l'articolo!

La minaccia più grande per l'oceano è l'uomo, dunque l'uomo è l'unico che può salvarlo!

 

A pensarla così è Fabien Cousteau, esploratore subacqueo e documentarista che nel 2016 ha fondato l'Ocean Learning Center, un'associazione nata con il preciso scopo di informare, educare e supervisionare progetti per la tutela dell'ambiente sottomarino.

 

Ogni anno più 635,000 di tonnellate di immondizia finiscono negli oceani di tutto il mondo, tanto che nel Pacifico esistono vere e proprie chiazze galleggianti di spazzatura che mettono a repentaglio intere specie (si calcola che ogni anno i rifiuti di plastica uccidono un milione di uccelli acquatici e 100.000 mammiferi marini).

Bisogna cambiare rotta!

Nipote del celebre Jacques Cousteau, l'esploratore che rivoluzionò le tecniche di esplorazione e riprese del mondo marino, Fabien ha raccolto l'eredità del nonno come divulgatore scientifico, oltre che come avventuriero subacqueo: nel 2014, ad esempio, ha vissuto per un mese a 19 metri di profondità, nella base di ricerca sottomarina Aquarius in Florida (la stessa dove la Nasa sta addestrando i futuri astronauti), studiando la fauna oceanica e preparando materiale per le scuole.

L'intero mese è stato poi oggetto di un documentario chiamato Mission 31 (come i giorni passati in acqua!).

Conoscere per apprezzare e tutelare

Fabien è convinto infatti che l'educazione delle nuove generazione sarà la chiave per salvare il mondo (non solo quello acquatico).

Lezioni, conferenze e video divulgativi, sono dunque le armi scelte per combattere la battaglia dell'ambiente poiché solo conoscendo il mare si può imparare ad apprezzarlo e chi apprezza qualcosa, qualsiasi cosa, finisce inevitabilmente per difenderla!