Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Ecosistema > Che cos’è l’impronta ecologica?

Che cos’è l’impronta ecologica?

Stampa

Conosciamo più da vicino uno strumento che ci permette di capire come stiamo trattando la Terra.

Per vivere abbiamo bisogno di sfruttare le risorse che la natura ci dona: cibo da mangiare, acqua da bere, abiti da indossare, suolo da occupare. Ma come facciamo a sapere quanti di questi beni stiamo utilizzando, se stiamo consumando troppo e quanto abbiamo ancora a disposizione?



 



L'ORMA DELL'UOMO SULLA TERRA. Per misurare la domanda dell’uomo nei confronti del nostro Pianeta si utilizza un indicatore chiamato impronta ecologica : un valore che calcola di quante risorse naturali l’uomo ha bisogno e le confronta con la capacità della Terra di rigenerare quelle risorse. 

Potete immaginarla come l’orma di un grande "piedone" sulla sabbia bagnata: il segno più o meno ingombrante del nostro passaggio sul mondo. Per calcolarla si prendono in esame le abitudini di ciascuno in fatto di scelte alimentari, quantità di rifiuti prodotti, superficie di suolo occupato, abiti o altri beni acquistati, energia consumata, anidride carbonica emessa in atmosfera .





UNA TERRA SOLA NON CI BASTA. Più l’impronta ecologica è alta, più la salute del Pianeta è a rischio: significa che mentre l’uomo non accenna a diminuire le sue richieste, la Terra fatica a "stargli  dietro", e non riesce a sostituire ciò che egli ha consumato. 

Gli scienziati hanno calcolato che attualmente stiamo vivendo come se avessimo una Terra e mezza a disposizione , e prima del 2050 arriveremo a consumare come se ne avessimo 2. L’anno scorso, poi, abbiamo terminato tutte le risorse che la Terra potrebbe rigenerare in un anno in poco più di 7 mesi . Le notizie, quindi, non sono incoraggianti: è chiaro che abbiamo uno stile di vita al di sopra delle nostre possibilità.



 




COSA POSSIAMO FARE. Per fortuna anche noi, nel nostro piccolo, possiamo contribuire ad abbassare la nostra impronta ecologica. Come? Per esempio, scegliendo, quando possibile, di spostarci in bicicletta o con i mezzi pubblici , piuttosto che farci scarrozzare in auto; o mangiando frutta e verdura di stagione , che non debbano aver compiuto centinaia di chilometri per finire nel nostro piatto; o ancora, ricordandoci di spegnere la luce quando usciamo da una stanza e di non lasciare pc o tv in stand-by quando non li stiamo usando. Tutti piccoli accorgimenti che contribuirebbero a ridurre il nostro impatto sul Pianeta.

Guarda anche

3 cartoni divertenti per promuovere l'ecologia

5 consigli per un pic-nic ecologico!

Al link che segue trovi invece uno strumento per provare a calcolare la tua impronta ecologica