Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Artico: il cambiamento climatico fa crescere piante molto più alte!

Artico: il cambiamento climatico fa crescere piante molto più alte!

Stampa
Artico: il cambiamento climatico fa crescere piante molto più alte!
Ipa-agency

Secondo uno studio internazionale, le piante della zona artica avrebbero raddoppiato la loro altezza media. Un bel problema per il nostro pianeta. Ecco perché!

Benché siamo abituati ad immaginare l'Artico come una distesa gelida di neve e ghiaccio, sono molte le specie di piante che riescono a sopravvivere in queste lande inospitali, anche se le loro dimensioni sono sempre state molto ridotte.

Almeno fino ad ora...

Uno studio dell'Università di Edimburgo e pubblicato sulla rivista Nature ha infatti mostrato non solo che la statura media di una simile vegetazione sia ormai raddoppiata, ma anche che nuovi tipi di piante "alte" come l'europea Anthoxanthum odoratum, detta anche paleo odoroso, abbiano iniziato a diffondersi nella tundra meridionale di questa vasta regione.

Numeri preoccupanti?

Il team di ricerca guidato dalle esperte Isla Myers-Smith (Università di Edimburgo) e Anne Bjorkman (Centro per la ricerca sul clima di Francoforte) ha analizzato oltre 60.000 dati raccolti in centinaia di siti sparsi tra Alaska, Canada, Islanda, Scandinavia, Russia, Alpi europee e Colorado e le conclusioni potrebbero far presagire scenari poco rassicuranti.

Piante e arbusti a basso fusto che fino a pochi anni fa dominavano incontrastati la flora artica infatti svolgono un ruolo cruciale nel ciclo di carbonio, fondamentale per l'equilibrio del nostro pianeta, e l'invasione di piante con caratteristiche differenti da quelle cui questo territorio è abituato potrebbe rappresentare un bel problema.

Permafrost è il termine che indica un terreno tipico delle regioni artiche che rimane perennemente congelato.
Credits: Ipa-agency

«Dato che il permafrost che si trova sotto le latitudini settentrionali contiene dal 30 al 50% del carbonio del suolo mondiale, le regioni artiche sono da tempo al centro della ricerca sui cambiamenti climatici - ha spiegato la Dott.ssa Bjorkman - Le piante più basse intrappolano più neve, che isola il terreno sottostante e impedisce che si congeli altrettanto rapidamente in inverno. Un aumento delle piante più alte potrebbe accelerare il disgelo di questa banca di carbonio congelata e portare ad un aumento del rilascio di gas serra».

Più gas serra, equivarrebbe ad ancora più calore per il nostro povero pianeta!

 

 

ULTIME NEWS