Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > Ambiente > Le api invadono New York. E tutti sono contenti!

Le api invadono New York. E tutti sono contenti!

Stampa

Un'italiana, Claudia Zanfi, ha portato a New York l'idea degli Alveari Urbani. Urban Bee Hives, così si chiama l'idea, vuole salvare le api e sensibilizzare tutti alla protezione di questi fondamentali e indispensabili insetti.

Si chiama Alveari Urbani ed è un progetto nato 16 anni fa in Italia. Nel 2015 ha vinto il Premio Expo, a Milano perché educa all'ambiente e alla salvaguardia della Natura con idee, esposizioni e incontri.
 

Ora, l'idea italiana arriva a New York con il nome di Urban Bee Hives, alveari urbani. Il progetto vuole dimostrare che piante, uomini e api possono cooperare per una nuova forma di paesaggio e di ambiente. Non solo: l'idea vuole anche mettere assieme natura, design, artigianato ed ecologia per aiutare a salvare le api, le sentinelle dell’ambiente e il loro nettare.

Claudia Zanfi

Sappiamo, infatti, che se le api scomparissero sparirebbe anche il nostro mondo e, probabilmente, anche noi esseri  umani.

 

Urban Bee Hives è stato organizzato durante la settimana del design di New York, a Brooklyn. Come se non bastasse è stato aperto anche il primo Honey Bar, il bar del miele, con un sistema di oggetti per servire il miele ai clienti, mentre le nostre amiche api hanno a disposizione le Bee Hives Parkcon, ossia arnie... di lusso,  progettate da un duo di designer a Brooklyn. Le hanno chiamate Sky Hives e sono fatte in legno, colorate nel tradizionale giallo delle arnie e, tocco hi tech, su ognuna è stato messo un sistema di luci led che funzionano grazie alla luce del sole e che si accende durante la notte, come un faro all’interno dell’alveare, mettendo in evidenza il simbolo dell’ape impresso su ogni arnia.

pixabay

L'iniziativa prevede anche la degustazione di miele prodotto sui tetti di New York e nelle fattorie locali.

Insomma, l'iniziativa vuole suggerire agli abitanti di New York l'idea della produzione di miele in città, dunque a “km zero”, per avere un rapporto più stretto tra l'ecologia, la vita delle piccole e indispensabili api e anche il design. Che ve ne pare, focusini?