Donna Moderna
FocusJunior.it > Scienza > 30 giugno | Il giorno che dura un secondo in più!

30 giugno | Il giorno che dura un secondo in più!

Stampa

Oggi è un giorno speciale: anziché le solite 24 ore durerà infatti 24 ore e 1 secondo. Tutto a causa del misterioso “secondo intercalare”. Leggi il perché di questa stravagante ma importantissima iniziativa.


Gli scienziati lo chiamano “secondo intercalare”
e non è poi un secondo (precisamente un minuto secondo) così stravagante . Anzi, è un secondo molto importante, perché da lui dipende la stabilità del funzionamento di un sacco di apparecchiature scientifiche e tecnologiche , compresi i gps e i siti internet. Oltre, beninteso, alla precisione del calcolo del tempo sulla Terra . Pensate, cari focusini: senza questa piccolissima aggiunta, prima o poi ci ritroveremmo a fare il pranzo di mezzogiorno in piena notte !

 

La Terra pazzerella


Il fatto è che la rotazione della Terra non è costante
. A causa di fattori esterni come per esempio le maree, i terremoti, i ghiacciai che si sciolgono , l'orbita ellittica del nostro pianeta attorno al Sole e perfino le masse incandescenti che ruotano all'interno del nucleo del nostro pianeta, il movimento della nostra grande casa comune cambia in continuazione , precisamente rallentando. Gli scienziati hanno calcolato che si tratta di un rallentamento di circa 2 millisecondi al giorno .

 

Per questa ragione ogni anno e mezzo circa è necessario correggere tutti gli orologi del mondo , a partire dagli orologi atomici , speciali macchinari che usano le oscillazioni degli atomi di elementi radioattivi quali il cesio o lo stronzio ( non fate battute, eh! ) per calcolare il tempo sbagliando, al massimo, di 1 secondo ogni 5 miliardi di anni .

 

Il secondo intercalare


E così oggi,
30 giugno 2015, a mezzanotte, l'ora passerà dalle 23h 59m 59s alle 23h 59m 60s anziché alle solite 0h 0m 0s che segnano l'inizio del 1° luglio. Anche se sembra una cosa bizzarra non lo è tanto visto che questo speciale secondo intercalare, negli ultimi 43 anni è stato aggiunto al nostro tempo già 25 altre volte , e sempre il 30 giugno (oppure il 31 dicembre).

 

Ma chi decide?

La domanda non è affatto sciocca : chi decide che il 30 giugno deve avere un secondo in più? Dovete sapere che a Parigi c'è un istituto scientifico che si chiama International earth rotation service (Iers ossia, in italiano, Servizio internazionale sulla rotazione della Terra). Gli scienziati che ci lavorano sono in grado di misurare la durata esattissima della rotazione della Terra e, dunque, sanno quando è il momento di aggiungere un secondo di tempo.

 

Ok, ma allora a mezzanotte dovremo regolare gli orologi? Niente di tutto questo. Tutti noi possiamo fare tranquillamente a meno di regolare sveglie e orologi . Gli istituti e i sistemi scientifici, invece, si regoleranno automaticamente accogliendo il secondo extra, il “secondo intercalare”  aggiunto dagli orologi atomici che calcolano il Tempo universale coordinato (Utc), l’ora ufficiale del nostro pianeta e al quale tutti fanno riferimento .

 

Ah, dimenticavo: se domani non troverete più online il sito di Focusjunior sarà perché il nostro sistema non ha accettato il secondo in più aggiunto dagli orologi atomici e si è rotto! :D