Donna Moderna
FocusJunior.it > Ricette > Che cosa mangia il mondo | Un viaggio attraverso il cibo!

Che cosa mangia il mondo | Un viaggio attraverso il cibo!

Stampa

Cosa mangia una famiglia giapponese? Quanto spende per nutrirsi? E in Buthan mangiano come noi? Scopriamo il mondo attraverso il cibo.

Siamo quello che mangiamo, si dice. Diamo per scontati tutti i cibi gustosi che gustiamo ogni settimana e pensiamo che tutti, nel mondo, abbiano le nostre stesse abitudini alimentari. Non è così, ovviamente.

Paese che vai cibo che trovi!

Lo si capisce benissimo sfogliando il libro fotografico di Peter Menzel e Faith D'Aluision: What the world eats (Che cosa mangia il mondo). I due fotografi hanno girato il mondo e hanno fotografato tante famiglie insieme alla loro spesa tipo di una settimana. Insomma, hanno realizzato un ritratto con il tema: noi e il nostro cibo. C'è chi adora le patatine, chi si ritiene già fortunato se ha un sacchetto di farina, chi ama il pesce e chi adora la pasta. Insomma, queste foto ci fanno viaggiare fra le culture del mondo attraverso il cibo!

Non solo è interessante vedere le diverse abitudini alimentari a confronto ma, soprattutto, è educativo! Ci rendiamo conto delle differenze abissali che separano una famiglia italiana da una africana o da una asiatica, del Buthan. E, spesso, la differenza maggiore la fa la somma che si può spendere per il cibo! Notate questo: più si va al nord o in occidente, passando dall'Europa all'America e poi fino al Giappone, la somma spesa per il cibo aumenta, mentre le persone in famiglia diminuiscono.

Che ci sia poco o troppo cibo a disposizione c'è una cosa che accomuna queste famiglie: sono tutte molto unite!

 

 

 

 

Come vedete, cari focusini, non solo il cibo cambia tantissimo secondo il paese. Ma, soprattutto, cambia la quantità di cibo che le persone hanno a disposizione: spostandoci dal nord del mondo a sud, si passa dall'abbondanza (Europa e Stati Uniti) alla scarsità di molte regioni dell'Africa e alla sussistenza di alcuni Paesi del Centro e Sudamerica. E questa è una vera ingiustizia, non trovate?

ULTIME NEWS