Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > Vaiolo delle scimmie: che cos’è e da dove arriva?

Vaiolo delle scimmie: che cos’è e da dove arriva?

Stampa
Vaiolo delle scimmie: che cos’è e da dove arriva?
Shutterstock

Ne abbiamo sentito parlare per la prima volta il 7 maggio e da allora questa malattia infettiva dall’Africa si è diffusa in Europa e nel resto del mondo. Ma che cos’è il vaiolo delle scimmie?

Il vaiolo delle scimmie (simian orthopoxvirosi) o monkeypox virus in inglese, è una rara malattia infettiva che si manifesta con segni molto evidenti sul corpo. In particolare causa delle pustole che possono comparire pochi giorni dopo l'infezione prima sul viso, poi su tutto il corpo.

In Europa nuovi casi di questa malattia sono stati segnalati il 7 maggio 2022, ma in alcune regioni dell'Africa è un virus endemico. La diffusione è globale e vede coinvolti paesi come l'Australia, il Belgio, il Canada, la Francia, la Germania, l'Italia, l'Olanda, il Portogallo, la Spagna, la Svezia, il Regno Unito, gli Stati Uniti d'America e l'Argentina.

La scoperta del vaiolo delle scimmie

Questa malattia fu individuata per la prima volta nel 1958 quando si verificarono due epidemie, simili al vaiolo, in alcuni primati da laboratorio da cui il nome "monkeypox".

Perché si chiama vaiolo delle scimmie?

Perché si diffonde prevalentemente tra le scimmie e i piccoli roditori dell'Africa centrale e occidentale, e occasionalmente, viene trasmesso all'uomo attraverso il contatto diretto con l'animale.

vaiolo delle scimmie

Quando è stato rilevato il primo caso nell'uomo?

Nel 1970, in un bambino nell'Africa centrale. Da allora, il vaiolo delle scimmie ha causato diverse epidemie in tutto il mondo. Nel 2003 negli Stati Uniti, sono state contagiate alcune dozzine di persone che avevano adottato animali domestici importati dal Ghana. Nel 2017, la Nigeria ha avuto un focolaio. Diversi casi sono poi comparsi nel Regno Unito.

Come avviene il contagio?

Secondo l'Oms la trasmissione da persona a persona non è facilissima, richiede uno stretto contatto con i fluidi corporei. Saliva, tosse, il pus o lesioni della pelle possono essere veicoli di infezione. Quindi può entrare nel corpo attraverso una ferita, le vie respiratorie, gli occhi, il naso o la bocca.

Ma non solo...

Il contagio può avvenire attraverso il contatto con animali infetti come scimmie, ratti e scoiattoli, o attraverso oggetti contaminati da virus, come lenzuola e vestiti.

È pericoloso per l'uomo?

Il vaiolo delle scimmie è caratterizzato dalla comparsa di lesioni cutanee che poi si trasformano in croste, simili a quelle della varicella. In generale dura poche settimane e tra i sintomi può comparire la febbre, il mal di testa, affaticamento o dolore muscolare. Non è una malattia grave.

L'Oms vuole tracciare il virus

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sta tracciando i casi per trovare la fonte dell'infezione, è molto probabile che i casi aumenteranno, ma non c'è preoccupazione perché questo virus non è letale.