Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Skyball: il colpo di Volley “made in Italy” che ha stregato l’Olimpiade!

Skyball: il colpo di Volley “made in Italy” che ha stregato l’Olimpiade!

Stampa

Alla scoperta della battuta "a catapulta" mostrata dall'azzurro Adrian Carambula che a Rio 2016 ha fatto innamorare gli appassionati del Beach Volley!

Anche se non si metterà alcuna medaglia al collo, il "beach player" azzurro Adrian Carambula passerà comunque alla storia come uno degli idoli indiscussi della trentunesima Olimpiade.

 

Il merito, oltre alle indiscusse abilità nel gioco del Beach Volley, è della Skyball, una battuta particolarmente insidiosa (e spettacolare) che ha reso Carambula, uruguaiano naturalizzato italiano, ed il compagno di squadra Alex Ringhieri, delle vere e proprie celebrità del gioco su sabbia.

È una battuta, ma per gli avversari non c'è nulla da ridere...

Eseguita con un colpo netto alla base della sfera da gioco, la Skyball disegna una parabola  imprevedibile che porta la palla ad altezze vertiginose per poi farla ripiombare velocemente nel campo avversario. Una specie di catapulta "da spiaggia"!

 

Oltre alla bellezza del gesto atletico, questa mossa è stata molto apprezzata perché rende difficoltosa la ricezione da parte degli avversari, i quali infatti, dovendo prestare attenzione al vento che cambia la traiettoria e alla luce accecante del Sole, si ritrovano a  perdere le proprie posizioni e a esporsi facimente all'attacco del duo azzurro!

 

«È una battuta particolare - ha spiegato lo stesso Carambula- con cui spedisco la palla il più in alto possibile per complicare la ricezione agli avversari. Ho trovato su Youtube un filmato con cui i nostri primi avversari alle Olimpiadi, gli austriaci Doppler e Horst, si allenavano con una macchina che sparava appunto i palloni verso il cielo… Il fatto è che questo tipo di servizio ti mette fuori ritmo e quindi in difficoltà: poi il resto lo fa Alex, che con i suoi muri ci fa portare a casa un sacco di punti».

Reuters.com

In verità un tipo di battuta simile era già stata usata negli anni '50 da un giocatore di Panama che a causa degli occhi a mandorla era stato soprannominato "il Coreano", ma l'alto coefficiente di difficoltà (se si batte male, si rischia davvero una figuraccia!) non aveva portato tale gesto atletico ad un'ampia diffusione.

 

Purtroppo per Carambula, questa mossa speciale non è bastata per salire sul podio (sono stati sconfitti nel derby tutto italiano contro il team Lupo-Nicolai), ma anche senza medaglia, la "Palla del Cielo" non potrà essere dimenticata!

 

GUARDA IL TUTORIAL DI CARAMBULA CHE CI SPIEGA COME ESEGUIRE UNA PERFETTA SKYBALL!

 

Fonte: Gazzetta dello Sport, LaNotizia.it