Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Sanremo: perché ha vinto Mahmood?

Sanremo: perché ha vinto Mahmood?

Stampa
Sanremo: perché ha vinto Mahmood?
Ipa-agency

L'autore di "Soldi" è uscito vincitore dalla finale con Ultimo e Il Volo, eppure dopo il televoto era nettamente indietro. Complotto? Macché, solo un regolamento un po' complicato

Perché Mahmood ha vinto? Perché è bravo.

Ok, fino a qui ci siamo arrivati tutti; la canzone "Soldi" è davvero un brano carico di significato che tratta temi importanti come integrazione e problemi famigliari, ma l'esito finale della 69esima edizione di Sanremo ha comunque scatenato non poche polemiche.

Come mai?

Al di là di questioni extra-musicali, la vittoria di Mahmood ha fatto storcere il naso a qualcuno perché  dopo il televoto finale - ossia quel sistema che permette ai telespettatori di scegliere da casa il loro artista preferito - il cantante di Gratosoglio era terzo, con appena il 14,1% delle preferenze. Il primo, anche se sembra un gioco di parole, era Ultimo con il 45,6%, seguito dal trio de Il Volo (39,4%).

Ma allora come ha fatto Mahmood a vincere? Ha pagato gli organizzatori del Festival? Ha usato un trucco mentale per farci dimenticare come si conta?

Ovviamente no. Il trionfo di Mahmood è stato sancito dalla combinazione tra il televoto e le scelte delle altre due giurie: la Giuria della Sala Stampa, composta da circa quattrocento giornalisti esperti del settore provenienti da tutte le testate più importanti del Paese e la Giuria d'Onore, che annoverava tra i partecipanti vip e personalità di spicco (Mauro Pagani, Elena Sofia Ricci, Ferzan Ozpetek, Serena Dandini, Claudia Pandolfi, Beppe Severgnini, Camila Raznovich e Joe Bastianich).

Non tutte le giurie però avevano lo stesso peso: il 50% della decisione spettava al Televoto, 30% alla Sala Stampa e 20% alla Giuria d’Onore.

TRE PREFERENZE, UNA DECISIONE

Fin dall'inizio il regolamento prevedeva l'utilizzo di questi tre organi decisionali per ottenere scelte bilanciate tra il gradimento popolare (il pubblico) e l'apprezzamento della critica, che  - almeno in teoria -dovrebbe possedere maggiori strumenti per valutare la qualità di un brano.

Nella finale di sabato però è accaduto che mentre gli italiani premiavano Ultimo e il volo, giornalisti e esperti del settori viravano su Mahmood.

È dunque stata la media ponderata dalle tre giurie a decretare l'ordine di arrivo finale: Mamhood primo con 38.9%, Ultimo secondo con 35.6% e Il Volo terzi con il 25.5%.

In ogni caso ha vinto la musica italiana!