Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Perché a Natale si mangia tanto?

Perché a Natale si mangia tanto?

Stampa
Perché a Natale si mangia tanto?
pixabay

A Natale si mangia tanto: non solo panettoni e altri dolci tipici, ma anche a pranzo e a cena. Spesso, si continua a mangiare anche se ci si sente sazi, mentre, in giorni non festivi, quando abbiamo la pancia piena il giusto, smettiamo subito.

A meno che un piatto non ci piaccia particolarmente.

E' proprio questo il motivo principale per cui a Natale si mangia tanto (ma anche ai comepleanni e altre occasioni festive): ci sono piatti più "buoni", preparati con più cura, più saporiti, che di solito la mamma o il papà non preparano, perché richiedono tempi lunghi per la preparazione.

E poi in tavola ce ne sono tante, di prelibatezze, mica solo una, per non parlare dei dolci. Per questo mangiamo più di solito, ma fosse solo per questo non mangeremmo fino ad abbuffarci come succede di solito.

Colpa del cervello

A furia di mangiare più del solito, il nostro cervello, che ragiona in base ai "ricordi" dei pasti consumati nei giorni precedenti, segnala in ritardo il fatto che.... è arrivato il momento di smettere perché abbiamo mangiato abbastanza.

La sazietà infatti è regolata da un meccanismo che controlla i livelli di sali e zuccheri presenti nel sangue. Quando, però, cambiamo abitudini, mangiando più del solito per diversi giorni di seguito, il nostro cervello non riconosce più la soglia di sazietà adatta al nostro corpo. E non capisce più quando "è abbastanza".

Inganni visivi

Tendiamo a mangiare di più se il piatto è grande. Così al cliente la pasta sembra di meno e chiede il bis, anche se si sente sazio.

Vedere tanti piatti diversi in tavola, con profumi che fanno venire l'aquolina in bocca, è un altro motivo per cui a Natale si mangia tanto.

Inoltre, a Natale si parla più del solito con amici o parenti; le chiacchiere fanno si che i tempi per consumare i pranzi e le cene si allunghino, e più tempo impieghi a mangiare più... mangi.

Ma attenzione, anche guardare la tv, chattare al cellulare e altre attività che non comportino il mangiare, distraggono, facendo perdere il controllo del proprio senso di sazietà

Il motivo romantico per cui a Natale si mangia tanto

Charles Dickens, nel libro A Christmas Carol, ha tramandato l'idea della cena di Natale, abbondante e ricca, come espressione d'amore: "Festa meravigliosa, giochi meravigliosi, unanimità meravigliosa, felicità meravigliosa!" La tradizione del pranzo abbondante di Natale ci ricorda che lo scopo del cibo è la vita stessa.

L'importante è comprare... il giusto.

Di questi tempi è importante non buttare cibo: infatti non solo a Natale mangiamo tanto, ma sprechiamo anche più cibo perché tendiamo anche a comprare di più. La soluzione è comprare il giusto e conservare gli avanzi.

Buon Natale!