Donna Moderna
FocusJunior.it > News > I Paesi più felici del mondo: la classifica del 2019

I Paesi più felici del mondo: la classifica del 2019

Stampa
I Paesi più felici del mondo: la classifica del 2019
Ipa-agency

Come ogni anno, in occasione della Giornata Mondiale della Felicità la classifica delle Nazioni Unite ci dice quali sono i Paesi in cui vivono i cittadini più felici. Finlandia ancora al Top, Italia in risalita.

Puntuale come ogni anno, anche nel 2019 le Nazioni Unite hanno presentato in occasione della Giornata Mondiale della Felicità del 20 marzo l'attesissimo World Happiness Report, la ricerca che misura il livello di soddisfazione dei cittadini di 156 nazioni diverse, rilevandoci così quali sono i Paesi più felici del mondo.

L'IMPORTANZA DI ESSERE FELICI

Il World Happiness Report è nato nel 2012 nell'ottica di fornire alle Nazioni uno strumento in più per poter inseguire un maggior benessere per i propri cittadini.

Sulla classifica, talvolta messa in discussione riguardo l'efficacia nel misurare un valore soggettivo come la felicità (es: quello che rende felice una persona, magari scontenta un'altra), influiscono diversi parametri come il PIL - il Prodotto Interno Lordo che "fotografa" il benessere economico di una nazione - il tasso di criminalità, il reddito pro-capite, l'aspettativa di vita, il tasso d'occupazione e il livello d'istruzione.

LEGGI ANCHE: Che cosa significa Hygge?

Sulla base di tali indicatori, arricchiti da sondaggi diretti tra la popolazione che restituiscono il livello di felicità "percepita", si stila poli la famosa classifica, dove non è affatto detto che i Paesi più felici siano quelli più ricchi!

FELICITÀ CONDIVISA?

Ogni anno il report si aggiorna, inserendo nuove voci per rendere le conclusioni finali sempre più fedeli all'oggettiva situazione di ogni Paese: nel 2019 ad esempio si è posta la lente d'ingrandimento sul rapporto tra felicità e comunità.

Dopotutto è assodato come l'essere umano sia fortemente condizionato dal modo in cui vive e si confornta con gli altri e proprio per questo gli esperti del World Happiness Report hanno riservato un focus particolare all'evoluzione della felicità in merito alle relazioni sociali, all'altruismo (che rende più felici) e ai rapporti sul web, che oggigiorno influenzano molto la nostra percezione del prossimo.

Ma quali sono allora i Paesi più felici del mondo?

Come nel 2018, a spadroneggiare sono i Paesi del Nord Europa, dove comunità più piccole e raccolte rispetto alla grandi potenze mondiali godono di una buona economia, ottime strutture sanitarie e scolastiche, poca criminalità e molta occupazione.

Al primo posto ancora la Finlandia (sarà contento Babbo Natale!), mentre Danimarca e Norvegia si scambiano i due gradini più bassi del podio rispetto all'anno precedente. Buon balzo avanti della nostra Italia, che sale al 36° posto dal 47°del 2018. Cala l'Argentina e piomba all'ultimo posto il Sudan del Sud.

LA CLASSIFICA 2019

  1. Finlandia
  2. Danimarca
  3. Norvegia
  4. Islanda
  5. Olanda
  6. Svizzera
  7. Svezia
  8. Nuova Zelanda
  9. Canada
  10. Austria
  11. Australia
  12. Costa Rica
  13. Israele
  14. Lussemburgo
  15. Regno Unito
  16. Irlanda
  17. Germania
  18. Belgio
  19. Usa
  20. Repubblica Ceca
  21. Emirati Arabi Uniti
  22. Malta
  23. Messico
  24. Francia
  25. Taiwan
  26. Cile
  27. Guatemala
  28. Arabia Saudita
  29. Qatar
  30. Spagna
  31. Panama
  32. Brasile
  33. Uruguay
  34. Singapore
  35. El Salvador
  36. Italia
  37. Bahrain
  38. Slovacchia
  39. Trinidad e Tobago
  40. Polonia
  41. Uzbekistan
  42. Lituania
  43. Colombia
  44. Slovenia
  45. Nicaragua
  46. Kosovo
  47. Argentina
  48. Romania
  49. Cipro
  50. Belize

Il World Happiness Report è stato realizzato da Sustainable Development Solutions Network (SDSN) con il supporto della Fondazione Ernesto Illy e ha per autori John F. Helliwell dell’University of British Columbia and the Canadian Institute for Advanced Research, Richard Layard, co-direttore del Well-Being Programme presso il Centre for Economic Performance della LE, e Jeffry Sachs, direttore del SDSN e del Center on Sustainable Development dell’Earth Institute.