Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > NFT che cosa sono e perché se ne parla

NFT che cosa sono e perché se ne parla

Stampa

Quanto vale un meme o un'opera d'arte digitale? Lo stabilisce un NFT, un "gettone" virtuale che viene scambiato tra utenti di Internet. Il più raro può valere una vera fortuna!

Quanto vale quel Tweet? Dipende da quanti NFT costa. Ma di che cosa stiamo parlando? Di un nuovo modo di comprare in Internet le opere digitali.

Partiamo dall'inizio per capire che cos'è esattamente un NFT. NFT è l’acronimo di “not fungible token”, in italiano “gettoni non fungibili”, dove “non fungibile” indica qualcosa di unico e non duplicabile.

Dunque, è il certificato di autenticità di un’opera d’arte digitale e ne dichiara l’unicità, anche se può sembrare un controsenso visto che sul web si possono guardare gratis.

Perciò un video, una foto, un audio, un Tweet, un meme, un disegno, una gif... purché digitale, può avere un proprio e unico valore economico grazie agli NFT.

E, il valore cresce a dismisura dal momento che non esistono due NFT uguali. Ciascuno memorizza informazioni diverse attraverso un codice unico che fornisce tutti i dati sull'oggetto: il suo autore, a quanto lo ha venduto e a chi.

E solo il suo proprietario lo può decifrare o modificare. Ogni NFT viene registrato su Internet in una specie di diario ultra protetto e funziona attraverso la blockchain di Ethereum, una piattaforma condivisa dove vengono registrate tutte le operazioni finanziarie e dove gli acquisti vengono effettuati attraverso le criptovalute (denaro digitale che viene scambiato solo online).

PERCHÉ GLI NFT PIACCIONO TANTO ALL’ARTE?
Recentemente sono stati spesi miliardi di euro in NFT per l'acquisto di opere d’arte NFT. Tra gli esempi più recenti il gigantesco collage digitale : “Everydays. The first 5000 days” dell’artista Beeple, un insieme di immagini relativo alle sue prime 5000 opere, venduto all’asta di Christie’s per 69,3 milioni di dollari tramite la blockchain Ethereum.

Ma anche i criptogattini del gioco “Cryptokitties", o il primo Tweet di Jack Dorsey, venduto per 2,9 milioni di dollari, fino al meme: "Disaster girl" che è stato venduto all'asta per oltre 500mila dollari.

Con questo nuovo sistema, gli artisti possono presentare le loro opere digitali su Internet e venderle. Guadagnano anche di più perché la vendita viene effettuata direttamente dagli autori.