Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsNews e curiositàTeddy, 10 anni, chiede ad Apple di cambiare l’emoji “faccia da nerd”

Teddy, 10 anni, chiede ad Apple di cambiare l’emoji “faccia da nerd”

Stampa
Teddy, 10 anni, chiede ad Apple di cambiare l’emoji “faccia da nerd”
Getty Images

Teddy, un bambino di 10 anni che vive nel Regno Unito, ha lanciato una petizione chiedendo ad Apple di cambiare l'emoji "faccia da nerd", ritenendola offensiva. La sua iniziativa ha ottenuto notevole supporto

Teddy, un bambino del Regno Unito, sta affrontando Apple, uno dei giganti della tecnologia, per una causa sorprendente: l'emoji "faccia da nerd". Teddy, residente a Peppard, nell'Oxfordshire britannico, ha recentemente lanciato una petizione online per convincere Apple a modificare questa emoji, che lui ritiene offensiva e dannosa.

La protesta di Teddy

Teddy sostiene che l'emoji "faccia da nerd" di Apple, riconoscibile per gli occhiali e i due grandi denti sporgenti, contribuisca a promuovere stereotipi negativi riguardo a chi indossa gli occhiali. Afferma che Apple stia diffondendo un’immagine non veritiera, non sono tutti nerd coloro che portano gli occhiali dalla montatura spessa. Insomma, Teddy non ci sta e sta cerando di cambiare questa situazione e vuole far capire a Apple che sta rendendo la vita difficile a chi porta gli occhiali.

La visione di Teddy

Nella sua petizione, il ragazzino, ha presentato una sua versione dell'emoji, caratterizzata da lenti sottili, montature eleganti e un sorriso a bocca chiusa al posto dei denti sporgenti. Questa versione rappresenterebbe in modo più positivo e rispettoso chi indossa gli occhiali.

teddy

L'influenza delle aziende

Anche se il consorzio Unicode ha l'ultima parola sull'adozione ufficiale delle emoji, spetta alle aziende come Apple decidere come rappresentarle. Fino a oggi, Apple non ha apportato modifiche significative all'emoji "faccia da nerd" rispetto alla versione di Unicode. Al contrario, la versione di Facebook si avvicina alla proposta di Teddy, ma è visibile solo su Android e PC.

Sostegno e solidarietà

La petizione ha raccolto più di 2.000 firme e ha ricevuto ampio sostegno online. Un'insegnante ha elogiato l'impegno e la determinazione di Teddy nel difendere ciò in cui crede, affermando di amare “la sua mente curiosa”.

Consapevolezza e sensibilità

Influenzare la percezione delle emoji è solo un piccolo passo verso una maggiore consapevolezza e sensibilità. Teddy e le persone che sostengono la sua causa, sperano che questa iniziativa porti a una maggiore comprensione e rispetto delle differenze individuali, anche nel mondo delle emoji.

CATEGORY: 1