Donna Moderna
FocusJunior.it > News > News e curiosità > L’asteroide più grande dell’anno sfiorerà la Terra all’arrivo della Primavera

L’asteroide più grande dell’anno sfiorerà la Terra all’arrivo della Primavera

Stampa
L’asteroide più grande dell’anno sfiorerà la Terra all’arrivo della Primavera
Shutterstock

L'asteroide 2001 FO32 passerà vicino al nostro pianeta il 21 marzo, giorno dell'Equinozio di Primavera

Il 21 marzo non sarà soltanto l’equinozio di primavera. Gli astronomi ci hanno confermato che in questa data passerà a trovarci l’asteroide 2001 FO32. Non è proprio un sassolino, perché il suo diametro stimato è di oltre un chilometro - ciò fa di lui l'asteroide più grande che ci farà visita quest'anno -  ma non temete: transiterà senza fare rumore ad una distanza di due milioni di chilometri dalla Terra, più o meno cinque volte quella tra il nostro pianeta e la luna.

L'ASTEROIDE VA DI FRETTA!

Siamo al sicuro, non ci sarà pericolo, anche se “l’asteroide più grande dell’anno” si è aggiudicato la classificazione di potenzialmente pericoloso dal Jet Propulsion Laboratory della NASA. La particolarità è l’alta velocità di passaggio: ben 124.000 chilometri all’ora dati dalla forma molto allungata dell’asteroide che lo porta a girare molto vicino al Sole, il quale ne accelera la corsa per la sua attrazione gravitazionale. E impiegherà 810 giorni per compiere tutto il giro intorno alla stella più luminosa. Fino a che tornerà a salutarci con la manina da lontano nel 2052, ma sempre di fretta, senza fermarsi a disturbare.

OCCHI AL CIELO

Noi possiamo stare tranquilli, ma l’opportunità di studio per gli scienziati degli astri è unica. Per adesso l’asteroide 2001 FO32 è tenuto sotto controllo dai telescopi del New Mexico (negli Stati Uniti) che fanno parte del programma LINEAR (Lincoln Near-Earth Asteroid Research). Poi gli scienziati indosseranno costume e infradito per spostarsi sulla vetta del vulcano Mauna Kea alle Hawaii, utilizzando il telescopio da 3,2 metri di diametro della NASA e il radar Deep Space Network. Per i cervelloni sarà l’occasione di studiare la geologia di un fossile cosmico nato insieme al Sistema Solare.

Secondo l’astrofisico Gianluca Masi, potremo tirare fuori i nostri piccoli strumenti e lucidare le lenti del telescopio per osservare l’asteroide, poiché le sue dimensioni lo rendono abbastanza brillante da essere visibile.