Donna Moderna
FocusJunior.it > News > News e curiosità > Il Canada è stato colpito da un caldo da record: perché?

Il Canada è stato colpito da un caldo da record: perché?

Stampa
Il Canada è stato colpito da un caldo da record: perché?
Getty Images

Il Canada e parte degli Stati Uniti sono stati colpiti da un'ondata di caldo torrido, portando le temperature a picchi molto pericolosi: quasi 50 °C!

Il Canada occidentale e gli Stati Uniti nord occidentali stanno affrontando da giorni temperature molto elevate, martedì scorso sono stati raggiunti 49,6 °C.

UNA CUPOLA DI CALORE

Un insolito sistema meteorologico ha creato una "cupola di calore", una specie di cappello che blocca il calore atmosferico. E, purtroppo, il caldo dovrebbe durare ancora per diversi giorni. Gli esperti meteorologici affermano che la causa dell'ondata di caldo è un sistema ad alta pressione intrappolato nell'area. Come un coperchio su una pentola di acqua bollente, questa "cupola di calore" trattiene l'aria calda nell'area. Proprio come se si mettesse un coperchio su una pentola di acqua che sta bollendo e  trattiene l'aria calda (vedi foto sotto fonte BBC) .

caldo
Cupola di calore
Credits: Fonte: BBC

 

CHE CALDO!

Domenica scorsa, la città di Lytton, nella Columbia Britannica, ha raggiunto 46,6º C, stabilendo il record per la temperatura più alta mai registrata in Canada. La temperatura massima raggiunta finora è stata di 45ºC.

NON SOLO IN CANADA...

Anche gli Stati Uniti stanno subendo un caldo da record. Portland, nell’Oregon, ha raggiunto i 46,1°C e Seattle 42.2ºC. Sono le temperature più alte mai registrate in queste città dagli anni '40, periodo in cui questi fenomeni hanno iniziato a essere frequenti in queste zone. Sicuramente si tratta di fenomeni legati al periodo estivo, ma gli studiosi sono concordi nell’affermare che il cambiamento climatico c’entri. Eccome!

DALLA COSTA ALL'ENTROTERRA

L’ondata di caldo sta avanzando anche nell'entroterra, portando un po' di sollievo alle città sulla costa e spostando il calore rovente negli Stati più interni - e più "freddi"- come l’Alberta (Canada) che sul versante est confina con le Montagne Rocciose, e nello stato di Washington negli Stati Uniti.

SPRUZZATE D'ACQUA

L'ondata di caldo oltre essere un record per le elevate temperature, sta causando seri problemi di salute alle persone. Sebbene alcune città offrano centri in cui potersi rinfrescare e posti in cui si nebulizza acqua  per le strade (foto sotto) per aiutare le persone a combattere il caldo, non è abbastanza.

Caldo
Le persone per strada cercano ristoro dal caldo
Credits: Getty Images

Le temperature non scendono molto neanche di notte. E visto che le aree colpite sono generalmente fresche, molte abitazioni non hanno l'aria condizionata, così sono stati creati dei centri di accoglienza dove si può trovare un po' refrigerio.

caldo
Un centro di rinfrescamento
Credits: Getty Images

 

CONTINUI BLACKOUT

E chi ha l'aria condizionata in casa naturalmente utilizza molta più corrente elettrica del normale. Questo forte consumo di elettricità ha causato diversi blackout in diverse aree sia in Canada sia negli Stati Uniti.

RACCOLTI E AGRICOLTURA A RISCHIO

Oltre a colpire le persone queste temperature estreme stanno colpendo anche l’agricoltura. Alcuni raccolti stanno maturando molto prima del previsto, il che significa che gli agricoltori devono affrettarsi a raccoglierli prima che vadano a male. Ed è anche possibile che altre colture producano molto meno del previsto a causa del clima caldo e secco.

CALDO E CAMBIAMENTO CLIMATICO
È sempre difficile collegare  un clima insolito come questa ondata di caldo direttamente con il problema del cambiamento climatico. Ma è certamente vero che a causa del riscaldamento globale causato dall'uomo, questi fenomeni saranno sempre più frequenti, saranno più gravi e dureranno più a lungo.

Per esempio, nel nord-ovest del Pacifico, dove si sta verificando l'ondata di caldo, le temperature sono aumentate di 1,7ºC negli ultimi 50 anni. E in tutto il mondo, gli ultimi sette sono gli anni più caldi mai registrati. Ricordiamoci che non abbiamo un pianeta B!

ULTIME NEWS