Nostro Figlio
FocusJunior.it > News > News e curiosità > Fantacalcio: cos’è e come si gioca

Fantacalcio: cos’è e come si gioca

Stampa
Fantacalcio: cos’è e come si gioca
Shutterstock

Per molti appassionati di calcio è un appuntamento fisso, per altri una vera mania: conosciamo il fantacalcio, il gioco dove tutti possono allenare la loro squadra ideale

Settembre, finiscono le vacanze, si torna a scuola o a lavoro e ricominciano i campionati sportivi. Questo per molti "pallonari" significa solo una cosa: si torna a giocare il Fantacalcio! Ma che cos'é? E perché tanti tifosi sono così appassionati da farne - in alcuni casi - quasi una piccola ossessione? Scopriamolo insieme...

COS'È IL FANTACALCIO?

Il Fantacalcio è un gioco per amanti del calcio che simula partite e tornei utilizzando le gesta dei veri giocatori del campionato. Lo scopo è formare una squadra (anzi, una fanta-squadra) formata dai giocatori di un torneo reale (la Serie A, la Champions League, la Premier League inglese ecc..) per poi accumulare punteggi in base alle prestazioni dei calciatori che abbiamo scelto.

Il Fantacalcio - o "Fanta", come lo chiamano i suoi adepti - nacque in Italia, dove tutti si sentono un po' allenatori di calcio - agli inizi degli anni '90 sul modello di quanto accadeva in America, dove tantissimi tifosi si divertivano a creare squadre immaginarie con i giocatori delle leghe di baseball. In Europa, dove il calcio è lo sport più amato questo passatempo viene giocato in tantissimi Paesi: in Inghilterra, ad esempio, si chiama Fantasy League.

Ma come funziona il gioco? Chi vince? E come si formano le squadre?

L'ASTA

Il primo, fatidico momento che sancisce l'inizio del fantacalcio è la temutissima (ma attesissima) asta, un appuntamento per il quale i fanta-allenatori annullano impegni, litigano con fidanzate e fidanzati e si rendono irreperibili al mondo esterno. Insomma, è un evento cruciale per i destini dell'anno fantacalcistico appena iniziato!

Durante l'asta infatti, i partecipanti al gioco formano le proprie squadre. Come?

  • Prima di tutto serve una lista contenente l'elenco di tutti i giocatori del campionato di riferimento. In queste tabelle ogni calciatore è associato ad un ruolo (attaccante, difensore ecc...) un numero che ne rappresenta il valore "fantacalcistico". In teoria - poi ci sono sempre sorprese, e quello è il bello - i giocatori con valore più alto sono anche quelli più forti, e dunque più appetibili. Tali liste vengono stilate da appositi siti o dai quotidiani sportivi nazionali, come la Gazzetta dello Sport.
  • Ogni fanta-allenatore parte con un budget stabilito e uguale per tutti (es: 250 milioni). Tale somma serve per acquistare i giocatori e formare la squadra
  • Nei maxi-tornei organizzati da giornali o siti sportivi, squadre diverse possono essere formati dagli stessi giocatori, mentre nelle leghe private (quelle organizzate da amici) di solito un giocatore può giocare solo in una squadra. Per questo serve l'asta.
  • All'asta infatti i partecipanti si sfidano a colpi di offerte rilanci per aggiudicarsi i giocatori. Chi offre di più per un determinato calciatore, se lo aggiudica in esclusiva. Un esempio? Se alla fine di un asta un partecipante ha fatto l'offerta più alta per l'attaccante Immobile della Lazio, solo quel partecipante potrà schierarlo nella propria squadra per tutto l'anno.
  • Non esistono limiti al rilancio, ma bisogna fare attenzione a non spendere tutto il budget prima di aver terminato la propria rosa di squadra.
  • Alla fine dell'asta ogni partecipante deve avere a disposizione una rosa di 25 giocatori: 3 portieri, 8 difensori, 8 centrocampisti e 6 attaccanti.

LE REGOLE, I PUNTEGGI E LE PARTITE

Completate le squadre, inizia il gioco, che durerà per tutta la stagione calcistica.

Ogni giornata di campionato (quello vero, giocato negli stadi) i fanta-allenatori schierano una squadra composta da 11 calciatori scelti dalle proprie rose a disposizione più le riserve che potranno sostituire eventuali calciatori che non scenderanno in campo o che per i motivi più disparati non prenderanno voto. Le prestazioni dei calciatori scelti determineranno l'andamento della squadra.

I punteggi dei giocatori sono dati dai voti delle pagelle individuali che siti e quotidiani sportivi stilano al termine delle partite. A questi voti poi si aggiungono dei bonus o dei malus che aumentano o diminuiscono il punteggio totale della prestazione del calciatore. Eccone alcuni:

  • Ogni gol segnate vale +3 punti
  • Ogni assist (passaggio finale determinante per segnare una rete) vale +1 punto
  • Ogni cartellino giallo vale -0,5 punti
  • Ogni cartellino rosso vale -1 punto
  • Ogni gol subito dal portiere schierato vale - 1

Ogni lega poi può modificare o aggiungere altri bonus/malus. L'importante è che il regolamento sia chiaro fin dall'inizio.

CHI VINCE?

Ci sono diverse modalità per determinare il vincitore

  • Punteggio finale: in molti tornei vince semplicemente chi alla fine dell'intero campionato avrà accumulato più punti nella classifica generale
  • Scontri 1 vs.1: soprattutto nelle leghe tra amici, si simula il campionato anche nella modalità degli scontri. Qui infatti singole squadre del fanta-torneo si affrontano una contro l'altro ciclicamente, come in Serie A. Alla fine di ogni singola giornata quindi, la squadra che avrà ottenuto più punti vincerà.
  • Scontri 1 vs 1 con gol: questa è la forma per i "Pro" del fantacalcio. la modalità degli scontri è la stessa descritta nel punto precedente ma la vittoria delle singole giornate non va semplicemente a chi fa più punti. In questo tipo di Fantacalcio infatti vi sono delle soglie di punteggi che, se superate, permettono alle squadre di segnare un gol.
    Un esempio per capire: normalmente la quota di 66 punti è lo sbarramento necessario per segnare un gol, 72 per segnare due gol, 78 per tre gol e vi così ogni sei punti. Se una squadra ottiene 66 o più punti nel corso della giornata, supera la soglia e segna un gol. Se però il suo avversario ottiene 72 o più punti, allora lui segna due gol e si aggiudica la giornata col punteggio di 2 a 1. Proprio come in serie A!

Ora capite perché i "malati" di Fantacalcio ogni fine settimana necessitano di tanta concentrazione per scegliere con cura le squadre da schierare?