Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsNews e curiositàCuriositàScopri 22 città storiche d’Italia

Scopri 22 città storiche d’Italia

Stampa
Scopri 22 città storiche d’Italia
Getty Images

Dalla preistoria alle Repubbliche Marinare un itinerario per tutta la famiglia tra città etrusche, Impero romano e Magna Grecia

Esplorare le città italiane ti permette di immergerti in una storia che abbraccia millenni, dove ogni luogo racconta un capitolo unico. Ti guideremo attraverso 22 destinazioni emblematiche, dall'epoca delle civiltà nuragiche fino alle Repubbliche Marinare.

Scoprirai antichi insediamenti, maestosi templi greci, città romane ben conservate e i segreti delle necropoli etrusche. Ogni tappa non solo offre uno sguardo sul passato, ma anche esperienze uniche che rendono la storia viva, coinvolgendo grandi e piccini in un'avventura senza tempo. Preparati a camminare tra le rovine di Pompei, a salire sulle torri medievali di San Gimignano e a meravigliarti di fronte ai capolavori rinascimentali di Firenze. Questo viaggio non solo arricchirà la tua conoscenza, ma creerà ricordi indimenticabili per tutta la famiglia.

•••

AOSTA è una città fondata dai Romani nel 25 a.C., ricca di testimonianze storiche. Tra le rovine più importanti da visitare ci sono l'Arco di Augusto, un imponente monumento costruito per celebrare la vittoria sui Salassi, e il Teatro Romano, che poteva ospitare fino a 4.000 spettatori ed è ancora utilizzato per eventi culturali.

Oltre alle rovine romane di Aosta, non perdere una visita al Forte di Bard, una fortezza storica trasformata in un polo culturale. All'interno del forte si trova il Museo delle Alpi, un museo interattivo che esplora la geografia, la flora, la fauna e la storia delle Alpi attraverso 25 sale espositive. Il museo utilizza video e installazioni multimediali per rendere la visita educativa e coinvolgente.

TORINO è una città ricca di storia e cultura, con attrazioni per ogni gusto, ideale per famiglie e giovani esploratori! Fondata dai Romani nel I secolo a.C. come colonia augustea. Uno dei tesori più famosi di Torino è il Museo Egizio. Aperto nel 1824, è il più antico museo del mondo interamente dedicato alle antichità egiziane e il secondo per importanza solo dopo il museo del Cairo, in Egitto. Oltre al famoso Papiro di Iuefankh, qui si possono ammirare straordinarie mummie, sarcofagi e una vasta collezione di artefatti che narrano la storia millenaria dell'Egitto antico.

Altro simbolo iconico della città è la Mole Antonelliana. Inizialmente progettata come sinagoga nel 1863, è diventata la sede del Museo Nazionale del Cinema nel 2000. Con i suoi 167 metri di altezza, era l'edificio in muratura più alto d'Europa al momento del suo completamento nel 1889.

Torino inoltre è anche avvolta in un’aura di mistero grazie alla leggenda del Sacro Graal. Si dice che il celebre calice usato da Gesù durante l'Ultima Cena, sia stato portato qui e nascosto in luoghi segreti, alimentando storie di magie che si intrecciano attraverso le sue vie storiche.

Per gli amanti dei motori, il MAUTO, o Museo dell'Automobile, è un must. Fondato nel 1932, ospita una delle più rare e interessanti collezioni di auto antiche, compresa la prima vettura prodotta in Italia nel 1896. E per i golosi e non solo, il delizioso cioccolato gianduia, creato a Torino nel 1806 come risposta alla scarsità di cacao causata dal blocco navale di Napoleone. Questo cioccolato, che miscela cacao e nocciole, è diventato un simbolo del gusto italiano nel mondo. Infine, per gli appassionati di storia della scrittura, il Museo del Segno e della Scrittura offre un viaggio affascinante attraverso gli strumenti e le tecniche usate nell'arte della scrittura attraverso i secoli.

GENOVA è una città dal ricco patrimonio storico e culturale, un luogo perfetto per esploratori di tutte le età, soprattutto per chi è affascinato dal mare e dalla storia navale. Originariamente abitata dai Liguri, un antico popolo pre-romano, Genova divenne una delle principali Repubbliche Marinare nel Medioevo, giocando un ruolo cruciale nei commerci e nelle battaglie navali del Mediterraneo.

Camminando per il centro storico, sembrerà di tornare indietro nel tempo. I vicoli stretti, chiamati “caruggi”, ti guideranno verso piazzette segrete dove il tempo sembra essersi fermato. Qui potrai ammirare i Palazzi dei Rolli, bellissime residenze dichiarate Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 2006.

Ma Genova è anche la città natale di Cristoforo Colombo, il famoso esploratore che ha navigato verso il Nuovo Mondo, scoprendo l’America nel 1492. Potrai visitare la casa dove si ritiene che Colombo sia nato, per immergerti nelle storie delle sue avventure marittime.

Una tappa obbligatoria è l'Acquario di Genova, situato nel porto antico. Inaugurato nel 1992 per celebrare i 500 anni dalla scoperta dell'America da parte di Colombo, è uno degli acquari più grandi e tecnologicamente avanzati d'Europa. Qui, potrai ammirare tantissime specie marine in ambienti che replicano i loro habitat naturali.

Infine, il Galata Museo del Mare è il più grande museo marittimo d'Italia. Aperto nel 2004, questo museo offre una panoramica dettagliata sulla storia della navigazione, con una collezione che include repliche di navi storiche, strumenti di navigazione antichi e una mostra dedicata all'immigrazione italiana verso le Americhe.

MILANO è una città dal passato affascinante, con radici che risalgono al VI secolo a.C. quando fu fondata dai Celti Insubri. Divenne successivamente una delle città più potenti della Gallia Cisalpina sotto il dominio romano nel 222 a.C., trasformandosi in un centro amministrativo di grande prestigio durante l'Impero Romano d'Occidente.

Tra i monumenti più significativi si distingue il Duomo, celebre per la sua imponente architettura gotica, iniziato nel 1386 e completato solo nei secoli successivi. Questo maestoso edificio riflette lo spirito e l'arte del tardo medioevo. Poco distante, l'ex convento di Santa Maria delle Grazie conserva "L'Ultima Cena" di Leonardo da Vinci. Questo affresco, non solo è un capolavoro della bellezza rinascimentale, è anche ricco di simbologia che continua a catturare l'attenzione di studiosi e visitatori.

Proseguendo alla scoperta della città, il Teatro alla Scala, inaugurato nel 1778, è riconosciuto a livello mondiale per le prime di numerose opere liriche.

Per gli interessati alla scienza e alla tecnologia, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia "Leonardo da Vinci" offre laboratori interattivi che esplorano le invenzioni di Leonardo, dimostrando come le sue idee siano rimaste innovative e avanti con i tempi.

Infine, il Museo del Novecento, situato nella piazza del Duomo, presenta opere d'arte italiana del XX secolo, offrendo una panoramica delle correnti artistiche che hanno influenzato e definito quel periodo.

VENEZIA ha una storia davvero unica, che inizia nel V secolo. Durante quel periodo, le invasioni barbariche devastavano gran parte dell'Italia settentrionale. Gli abitanti della terraferma, cercando rifugio, si trasferirono nelle paludi e nelle isole della laguna veneta. Queste isole, difficili da raggiungere e naturalmente protette, offrirono un rifugio sicuro. Uno degli aneddoti più affascinanti riguarda la nascita di Venezia, che molti storici datano al 25 marzo 421 con la costruzione della chiesa di San Giacomo a Rialto, uno dei primi insediamenti stabili.

La città non è solo famosa per le sue origini, ma anche perché divenne una delle Repubbliche Marinare più potenti, con una flotta che dominava i mari e commerciava con il mondo intero. Tra i luoghi più emblematici da visitare vi è Piazza San Marco, con la sua famosa Basilica, e accanto, il Palazzo Ducale. Costruito nel IX secolo, il Palazzo Ducale divenne la sede del Doge di Venezia, il massimo rappresentante del potere e dell'autorità nella Repubblica. Dal X secolo in poi, il palazzo fu anche la sede di importanti istituzioni governative veneziane, come il Maggior Consiglio, organo legislativo supremo, e la Sala del Collegio, dove gli ambasciatori si incontravano e si prendevano decisioni diplomatiche. Il ruolo del Palazzo Ducale come fulcro del potere politico continuò fino alla caduta della Repubblica di Venezia nel 1797, quando Napoleone Bonaparte conquistò la città e pose fine al governo della Serenissima.

Un altro luogo da vedere è il Ponte di Rialto, il più antico e famoso ponte sul Canal Grande. Questo ponte non è solo un capolavoro di ingegneria, ma anche un luogo storico di commercio e vita quotidiana. Attraversandolo, si può immaginare come fosse affollato di mercanti e cittadini che scambiavano merci e notizie dal mondo.

E le gondole e i gondolieri? La tradizione delle gondole risale a secoli fa, e ancora oggi sono un modo per esplorare i canali di Venezia. I gondolieri, con le loro uniformi caratteristiche, raccontano storie e aneddoti di ogni canale e ogni palazzo, rendendo il percorso un vero e proprio libro vivente. Infine, per chi ama la storia e l'archeologia, il Museo Archeologico Nazionale di Venezia offre una straordinaria collezione di reperti antichi. Sculture, monete e artefatti raccontano la lunga storia della città, dai suoi inizi fino ai giorni nostri.

FIRENZE fondata in epoca romana, è stata un centro importante durante il Rinascimento. Qui hanno lavorato alcuni dei più grandi geni, come Leonardo da Vinci, noto per opere come l'Annunciazione, Michelangelo Buonarroti, che ha scolpito le statue della Sagrestia Nuova, e Dante Alighieri, l'autore della famosa Divina Commedia.

Visitando la città, uno dei primi luoghi che vedrai è il Duomo, la Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Iniziata nel 1296 da Arnolfo di Cambio e completata nel 1436 con la cupola progettata da Filippo Brunelleschi, questa cattedrale è un vero simbolo di come arte e scienza possano unirsi. Brunelleschi inventò metodi completamente nuovi per costruire la cupola senza bisogno di impalcature, un'impresa che ancora oggi stupisce per la sua ingegnosità.

Continuando la passeggiata, arriverai al Ponte Vecchio, costruito nel 1345, è speciale perché è uno dei pochi ponti al mondo che ha negozi costruiti lungo tutto il suo percorso. Infatti, è celebre per le sue botteghe di gioiellieri, ma non è sempre stato così; in passato, qui si trovavano macellai e fruttivendoli. Nel 1593, Ferdinando I de' Medici decise di sostituirli con i gioiellieri per migliorare l'igiene e l'estetica del ponte. 

Un altro posto da non perdere è la Galleria degli Uffizi, progettata da Giorgio Vasari tra il 1560 e il 1580 per ospitare gli uffici amministrativi di Firenze. Oggi, questa galleria è uno dei musei più importanti al mondo, con opere di artisti come Botticelli, Michelangelo e Leonardo da Vinci. Per chi ama la scultura, il Museo Nazionale del Bargello è imperdibile. Fondato nel 1865, si trova in un edificio che una volta era la sede del capitano del popolo e poi un carcere, e oggi ospita alcune delle più famose sculture rinascimentali di artisti come Donatello, Michelangelo e Verrocchio.

Infine, non dimenticare di visitare il Museo Galileo. Aperto nel 1930, questo museo racconta la storia di come scienza e arte si intrecciavano durante il Rinascimento attraverso una collezione incredibile di strumenti scientifici usati da Galileo Galilei e altri scienziati del tempo.

PISA non è famosa solo per la sua incredibile Torre Pendente, ma anche per la sua storia affascinante che risale a migliaia di anni fa. Le origini sono incerte, ma si pensa che la città sia stata abitata dai Liguri prima di passare sotto il controllo degli Etruschi nel VI secolo a.C., che sfruttarono la posizione strategica vicino alla foce del fiume Arno per il commercio marittimo.

Con l'espansione dell'Impero Romano, Pisa divenne una colonia romana intorno al 180 a.C. e un importante porto militare e commerciale. La città fiorì come municipium romano e, con l'editto di Milano nel 313 d.C., divenne un vescovado cristiano. Dopo la caduta dell'Impero Romano, riuscì a mantenere una certa autonomia nonostante le invasioni dei Goti, dei Bizantini e dei Longobardi. Sotto i Bizantini e i Longobardi, continuò a prosperare come centro commerciale e marittimo.

Nel Medioevo, divenne una delle quattro Repubbliche Marinare più potenti insieme a Venezia, Amalfi e Genova. La partecipazione di Pisa alle Crociate assicurò posizioni commerciali preziose per i mercanti pisani in Siria e nel Mediterraneo occidentale. Oggi, Pisa è sede di una prestigiosa università e la Piazza dei Miracoli che ospita la celebre Torre Pendente, il Duomo e il Battistero di San Giovanni, è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

ROMA  secondo la leggenda fu fondata da Romolo nel 753 a.C. Camminare per le sue strade è come fare un viaggio nel passato, dove ogni angolo racconta un pezzo di storia. Partiamo dal Colosseo, uno dei simboli più noti di Roma, costruito nel I secolo d.C. sotto l'imperatore Vespasiano e completato da suo figlio Tito. Questo anfiteatro ospitava combattimenti tra gladiatori e spettacoli pubblici, dotato di un complesso sistema di ascensori e botole che sorprendevano il pubblico con apparizioni spettacolari di animali e combattenti.

Proseguendo, ecco il Foro Romano, il cuore della vita politica, commerciale e religiosa dell'antica Roma. Qui si discutevano le leggi e si prendevano decisioni importanti per l'impero. Il Foro nasconde il Lapis niger, un antico santuario che copre la presunta tomba di Romolo, aggiungendo un velo di mistero al sito.

Il Pantheon costruito inizialmente da Marco Agrippa nel 27 a.C. e ricostruito dall'imperatore Adriano nel II secolo d.C., fu un tempio dedicato a tutti gli dèi romani. Convertito nel VII secolo d.C. in una chiesa cristiana dedicata a Santa Maria ad Martyres, si distingue per la sua cupola, alta quanto il suo diametro, con un oculus che crea una connessione simbolica tra il tempio e gli dei.

La Città del Vaticano, situata nel cuore di Roma, è il centro della Chiesa Cattolica. La Basilica di San Pietro, una delle chiese più grandi e importanti del mondo, fu costruita tra il XVI e il XVII secolo. Michelangelo, nonostante l'età avanzata, prese le redini del progetto perfezionandolo, specialmente nella costruzione della sua imponente cupola.

I Musei Vaticani non solo ospitano opere d'arte di inestimabile valore, ma sono anche famosi per il Corridoio delle Carte Geografiche, che mostra la precisione delle mappe del XVI secolo, riflettendo l'interesse dell'epoca per la geografia e l'astronomia.

La storia di Roma si svela anche nei Musei Capitolini, considerati tra i più antichi musei pubblici del mondo. Fondati nel XV secolo, questi musei contengono una vasta collezione di sculture, dipinti e reperti archeologici. Mentre tra i tesori del Museo Nazionale Romano, spicca la statua del Discobolo, simbolo dell'ideale di perfezione fisica dell'antichità.

TIVOLI nota anticamente come Tibur, ha radici storiche che risalgono all'età del bronzo. Dal III secolo a.C., la città iniziò a giocare un ruolo di crescente importanza per i Romani, diventando un luogo di grande prestigio. Tra le meraviglie di Tivoli spiccano due siti di eccezionale valore storico e artistico, entrambi riconosciuti come Patrimonio Mondiale dall'UNESCO.

La prima è Villa d'Este, commissionata nel 1550 dal cardinale Ippolito II d'Este. Progettata dall'architetto Pirro Ligorio, la villa è un capolavoro del Rinascimento italiano, famosa per i suoi giardini all'italiana e le sue spettacolari fontane, che sono esempi luminosi di ingegneria idraulica e estetica del Rinascimento.

Non meno significativa è Villa Adriana, costruita tra il 118 e il 138 d.C. come rifugio personale dell'imperatore Adriano. La villa è un compendio di elementi architettonici raccolti da tutto l'impero, testimonianza della vasta cultura e dei viaggi di Adriano, che ne supervisionò la costruzione ispirandosi ai luoghi che aveva visitato.

NAPOLI è una città che affonda le sue radici nel VII secolo a.C., quando i Greci, attratti dalla bellezza del golfo e dalla posizione strategica, fondarono Neapolis, che significa "città nuova". Nel corso dei secoli, la città è stata influenzata dai Romani, dai Normanni, dagli Svevi, dagli Angioini, dagli Aragonesi e dai Borboni, ognuno dei quali ha lasciato un segno indelebile nel tessuto urbano e culturale di Napoli.

Uno dei motivi principali per visitare Napoli è esplorare i suoi monumenti storici. Il Maschio Angioino, costruito per volere di Carlo I d'Angiò nel XIII secolo, è un imponente castello medievale situato nel cuore della città. Con le sue torri massicce e il maestoso arco trionfale, rappresenta un simbolo della potenza e della storia di Napoli. Sempre in tema di regge e castelli, non può mancare una visita al Palazzo Reale, edificato su ordine del viceré spagnolo Fernando Ruiz de Castro nel XVII secolo. Questo palazzo è stato la residenza ufficiale dei re di Napoli e oggi ospita musei e sale sfarzose, dove è possibile ammirare arredi d'epoca, opere d'arte e scoprire la storia della famiglia reale.

Il Teatro di San Carlo, voluto da Carlo di Borbone nel 1737, è uno dei teatri d'opera più antichi e prestigiosi d'Europa. Ancora in attività, offre spettacoli di opera e balletto di altissimo livello, rappresentando un'eccellenza nel panorama culturale mondiale. Infine, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, fondato da Carlo III di Borbone, ospita una delle collezioni più importanti al mondo di arte greca e romana. Tra i pezzi più famosi ci sono i mosaici e le sculture ritrovati a Pompei ed Ercolano, che offrono uno sguardo affascinante sulla vita quotidiana nell'antichità.

PAESTUM  fondata dai Greci nel VII secolo a.C. come Poseidonia, è rinomata per i suoi tre imponenti templi dorici, straordinariamente conservati e dedicati a Hera, Atena e Nettuno. Questi templi offrono un esempio eccezionale di architettura greca, evidenziando l'influenza della civiltà greca nell’Italia meridionale, nota storicamente come Magna Grecia. Oltre ai templi il Museo Archeologico Nazionale di Paestum ospita una vasta collezione di reperti trovati nella zona, inclusi straordinari esempi di ceramica greca, statue di divinità e famose tombe affrescate, che illustrano la vita quotidiana e le credenze religiose degli antichi abitanti di Poseidonia.

POMPEI fu fondata dagli Antichi Osci nel VI secolo a.C, divenne ben presto un crocevia di culture grazie alla sua posizione strategica nella regione della Campania. Nel corso del VI e V secolo a.C., gli Etruschi estesero la loro influenza sulla città, apportando innovazioni nell'urbanistica e nella gestione delle risorse idriche, lasciando un'impronta importante nella struttura sociale e architettonica di Pompei.

Verso la fine del VI secolo a.C. e durante il V secolo a.C., Pompei cominciò a subire l'influenza della cultura greca, grazie alla crescente presenza delle colonie elleniche nella Magna Grecia, la parte meridionale dell'Italia. Questo contatto con i Greci arricchì la città non solo attraverso nuovi stili architettonici e artistici come le sculture e i decori murali, ma anche portando nuove idee e costumi. Personalità come Pitagora di Samo, che visse in Magna Grecia, influenzarono profondamente il pensiero, introducendo concetti di matematica, musica, e filosofia.

Nel 80 a.C., a seguito delle guerre sociali, Pompei fu conquistata dalle legioni di Silla e trasformata in una colonia romana. Sotto il dominio romano, la città conobbe un periodo di grande prosperità e sviluppo. Furono costruiti il foro, l'anfiteatro, e le grandi terme, facendo di Pompei un esemplare di città romana, dotata di tutte le infrastrutture e i comfort dell'epoca.

Il  24 agosto 79 d.C. l'eruzione del Vesuvio seppellì Pompei sotto metri di cenere e lapilli. Questo evento catastrofico conservò la città in uno stato che, secoli dopo, avrebbe offerto agli archeologi una finestra preziosa sulla vita quotidiana dell'antica Roma. Gli scavi iniziati nel 1748 hanno esposto una città ben conservata, con strade, case, e spazi pubblici che narrano la vita di un tempo, dai semplici oggetti domestici agli straordinari affreschi che decorano le pareti delle abitazioni.

ERCOLANO fondata dagli Osci nell'VIII secolo a.C., è stata successivamente influenzata dalle culture greca e romana. Questa città situata sulle coste del Golfo di Napoli, ha vissuto un'evoluzione culturale e architettonica che l'ha resa un tesoro di inestimabile valore storico.

Simile a Pompei, Ercolano offre una finestra straordinaria sulla vita quotidiana dell'antica Roma, sepolta sotto la cenere vulcanica durante l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Ciò che rende Ercolano unica è lo stato di conservazione eccezionale delle sue strutture. Le abitazioni, i negozi, le terme e i templi sono rimasti incredibilmente intatti, offrendo una visione dettagliata degli interni delle case romane.

A differenza di Pompei, dove molte strutture sono parzialmente crollate, a Ercolano si possono ammirare edifici con i piani superiori intatti, inclusi i soffitti in legno e gli arredi originali. Le informazioni su Ercolano provengono da varie fonti autorevoli, tra cui gli scritti di Plinio il Giovane, che ha documentato l'eruzione del Vesuvio, e le recenti scoperte archeologiche che continuano a portare alla luce nuovi dettagli sulla vita nell'antica città. Le ricerche condotte dagli archeologi dell'Università Federico II di Napoli e dell'Istituto Centrale per il Restauro hanno contribuito significativamente alla nostra comprensione di questo sito straordinario.

AMALFI secondo la tradizione, Amalfi fu fondata da un gruppo di esuli romani. Le prime menzioni documentate della città si trovano in testi ecclesiastici risalenti al IV secolo. Tuttavia, solo nel IX secolo Amalfi emerse come una significativa potenza marittima, sfruttando la sua posizione strategica per sviluppare intensi legami commerciali con l'Oriente. In questo periodo, la città divenne famosa per il commercio di merci preziose come tessuti e spezie.

Il periodo di massimo splendore di Amalfi si colloca tra il IX e il XII secolo, quando la città era una delle quattro Repubbliche marinare dominanti del Mediterraneo, insieme a Venezia, Genova e Pisa. Fu durante questo tempo che furono redatte le Tavole Amalfitane, o Tabula de Amalpha, uno dei primi e più influenti codici di diritto marittimo del Medioevo. Questo codice, elaborato da esperti legali e marittimi di Amalfi, stabiliva norme dettagliate per il commercio e la navigazione marittima, regolando il trattamento degli equipaggi e il recupero delle merci naufragate. Anche se l'originale non è più esistente, diverse copie e revisioni sono conservate in archivi e biblioteche italiane, come la Biblioteca di Napoli.

Un altro gioiello architettonico di Amalfi è il Duomo di Sant'Andrea, fondato nell'XI secolo e completato nel XII secolo. Questa cattedrale mescola elementi architettonici normanni, arabi e romanici. Le sue porte di bronzo, fuse a Costantinopoli nel 1066 e donate dal ricco mercante amalfitano Pantaleone di Mauro, sono tra le prime opere di bronzo realizzate nell'Italia meridionale e rappresentano un tangibile legame con l'Oriente, sottolineando l'importanza commerciale e culturale di Amalfi in quel periodo.

MATERA non è stata "fondata" in un momento specifico, ma è una delle città più antiche del mondo, abitata ininterrottamente fin dal Paleolitico. Gli archeologi hanno scoperto prove che dimostrano la presenza umana nella regione già 7.000 anni fa, rendendo Matera uno degli insediamenti continui più antichi del pianeta. La città è rinomata soprattutto per i suoi "Sassi", abitazioni costituite da case scavate nella roccia. I Sassi di Matera sono stati riconosciuti nel 1993 come patrimonio mondiale dell'UNESCO, che li descrivono come un "esempio eccezionale di insediamento umano accuratamente adattato all'ecosistema del suo ambiente".

SIBARI fu una delle città più influenti della Magna Grecia, celebre per la sua straordinaria ricchezza e opulenza. Fondata dai Greci nel VII secolo a.C., Sibari si affermò rapidamente come un centro di prosperità economica e culturale, grazie alla sua posizione strategica e alla fertilità del territorio circostante. I resti archeologici di Sibari offrono un'affascinante visione della vita urbana e commerciale dell'antica Grecia nel Sud Italia. Tra i reperti più significativi si possono ammirare le rovine delle abitazioni, delle strade lastricate e dei sistemi idraulici, testimonianza dell'avanzata ingegneria e dell'organizzazione sociale della città.

REGGIO CALABRIA è una città di grande importanza storica e culturale, fondata dai Greci nel VIII secolo a.C. Tra le sue principali attrazioni c'è il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Questo museo ospita i famosi Bronzi di Riace, due straordinarie statue greche in bronzo, rinvenute nel mar Ionio nel 1972. Oltre ai Bronzi di Riace, il museo offre una vasta collezione di reperti che illustrano la ricca storia e cultura della Magna Grecia. Il lungomare Falcomatà è noto come il "chilometro più bello d'Italia", e il Castello Aragonese, una fortezza medievale che testimonia l'importanza strategica della città nel corso dei secoli.

PALERMO fondata dai Fenici nell'VIII secolo a.C., è una città che racchiude secoli di storia e una ricca fusione di culture diverse. La sua posizione strategica nel Mediterraneo l'ha resa un crocevia di civiltà, con influenze che spaziano dai Greci e Romani fino agli Arabi, Normanni e Spagnoli.

La Cattedrale di Palermo, eretta nel 1185, è un esempio emblematico di questa varietà stilistica, mescolando elementi architettonici romanici, gotici, barocchi e neoclassici. Il Palazzo dei Normanni, costruito sui resti di una fortificazione araba, ospita al suo interno la Cappella Palatina, famosa per i suoi splendidi mosaici bizantini e i soffitti in legno decorati in stile arabo. Uno dei punti di riferimento culturali più importanti è il Teatro Massimo, inaugurato nel 1897 e noto per essere uno dei teatri d'opera più grandi d'Europa. La sua acustica è rinomata, rendendolo una meta prediletta per gli amanti della musica. Palermo è anche famosa per i suoi mercati storici, come Ballarò e Vucciria, con una miriade di colori, suoni e sapori.

CATANIA, fondata dai Greci nel 729 a.C., si trova ai piedi dell'Etna, il vulcano attivo più alto d'Europa. Originariamente denominata Katane, la città divenne un importante centro durante il periodo greco e romano, arricchendosi di magnifici edifici pubblici, teatri e terme. Questa vicinanza all'Etna ha influenzato profondamente la storia della città, che ha visto numerose eruzioni e terremoti, tra cui il devastante terremoto del 11 gennaio 1693, che la distrusse quasi completamente. La ricostruzione seguì i canoni dell'architettura barocca, come si può osservare lungo Via Etnea, la principale strada della città, fiancheggiata da edifici che narrano di quel periodo. Nel Medioevo, Catania prosperò sotto la dominazione aragonese e nel 1434 vide la fondazione di un'antica università, una delle più antiche in Italia. Entrata nel XVIII secolo come centro dell'illuminismo siciliano, Catania abbracciò il Risorgimento nel XIX secolo, partecipando attivamente alla lotta per l'indipendenza e l'unità italiana.

SIRACUSA fondata da coloni corinzi nell'VIII secolo a.C., fu una delle città più influenti della Magna Grecia, celebre per il suo potere politico e la sua cultura. Durante il periodo di massimo splendore, fu governata da tiranni come Gelone e Dionisio il Vecchio, che ne fecero un centro fiorente di cultura e sapere.

Uno dei suoi cittadini più illustri fu Archimede, tra i più grandi matematici, fisici e inventori dell'antichità. Archimede nacque a Siracusa nel 287 a.C. e vi trascorse gran parte della sua vita. Contribuì enormemente alla scienza con scoperte nel campo della geometria, della fisica e dell'ingegneria. Tra le sue invenzioni più celebri si annoverano il principio della leva, il principio di Archimede sulla spinta idrostatica e una serie di macchine da guerra che difesero la città durante gli assedi romani.

Il Parco Archeologico è un'attrazione principale di Siracusa. Qui si trova il Teatro Greco, uno dei più grandi e meglio conservati del mondo antico, dove ancora oggi si svolgono rappresentazioni di opere classiche. Vicino si può visitare l'Anfiteatro Romano e l'Orecchio di Dionisio, una grotta artificiale famosa per la sua acustica unica.

Il cuore storico della città è l'isola di Ortigia, dove potrai ammirare la Cattedrale, costruita sui resti di un tempio dorico dedicato ad Atena e rappresenta una fusione di stili architettonici che attraversano secoli di storia. Ortigia ospita anche il Tempio di Apollo, uno dei più antichi templi dorici della Sicilia, e il Castello Maniace, una fortificazione del XIII secolo situata all'estremità dell'isola.

Il Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi ospita una vasta collezione di reperti che spaziano dalla preistoria all'epoca romana, offrendo una panoramica completa dell'evoluzione storica e culturale di Siracusa e della Sicilia orientale.

AGRIGENTO fondata nel VI secolo a.C. da coloni greci di Rodi e Creta, nota come Akragas, divenne tra le più importanti città della Magna Grecia. Si distinse per la sua ricchezza e potenza, come testimoniato dalla Valle dei Templi, uno dei siti archeologici più imponenti del Mediterraneo. Tra i suoi templi dorici, il Tempio della Concordia, il Tempio di Giunone e il Tempio di Eracle che stupiscono ancora oggi per la loro straordinaria conservazione. Questi edifici non solo riflettevano la grandezza di Agrigento ma permettevano anche ai suoi abitanti di praticare i loro riti religiosi e di celebrare la loro cultura, raccontando storie di vita che animavano la città, rendendola una delle più vivaci e influenti del suo tempo.

CAGLIARI fondata dai Fenici nel VII secolo a.C., è stata un porto commerciale importante per millenni. Il quartiere storico del Castello, situato su una collina, offre una vista panoramica sulla città e sul mare. Il Quartiere Marina, vicino al porto, è noto per i suoi ristoranti e caffè che servono specialità locali. L'Anfiteatro Romano, scavato nella roccia, è una testimonianza della presenza romana in Sardegna. Mentre, a circa un’ora da Cagliari, da non perdere il sito archeologico di Su Nuraxi a Barumini, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, offre uno sguardo unico sulla civiltà nuragica che abitò l'isola migliaia di anni fa.

 

 

 

 

CATEGORY: 1