Nostro Figlio

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsNews e curiositàCuriositàCome dormire bene anche se fa caldo?

Come dormire bene anche se fa caldo?

Stampa
Come dormire bene anche se fa caldo?
Shutterstock

L'afa estiva spesso ci impedisce di riposare come si deve. Ecco alcuni consigli per prendere sonno anche nelle notti più roventi (e senza accendere l'aria condizionata)

L'estate è la stagione del mare e delle vacanze, ma anche del caldo torrido e delle notti insonni. Quando le temperature si alzano troppo infatti, il nostro corpo altera alcune funzioni per adattarsi all'afa, portandoci però ad avere maggiori difficoltà ad addormentarci. Per fortuna però esistono alcuni rimedi pratici ed economici (niente aria condizionata) che possono aiutarci a dormire bene anche quando fa decisamente troppo caldo.

Perché quando fa caldo dormiamo male?

Nelle notti più roventi è decisamente normale far fatica a prendere sonno e rimanere per ore con gli occhi sbarrati a rigirarsi nelle lenzuola sudaticce. Insomma, non la più piacevole delle situazioni. Ciò accade per svariati motivi.

La ragione principale risiede nel fatto che il nostro corpo per funzionare a dovere ha "imparato" a regolare la propria temperatura grazie ad un processo chiamato termoregolazione corporea, la quale però subisce forti variazioni quando nell'ambiente circostante permane un calore troppo elevato. Di notte, ad esempio, il corpo umano tende a rilassarsi e rilasciare una sostanza chiamata melatonina, che è l'ormone che regola il sonno. Se però la temperatura esterna è troppo elevata (l'ideale sarebbe tra i 16 e i 20°C), il corpo non si raffredda a sufficienza, rimanendo vigile e interrompendo secrezione di melatonina.

D'estate poi il maggior numero di ore diurne e la forte esposizione alla luce possono contribuire ulteriormente alle spiacevoli notti in bianco.

I consigli per dormire bene anche se fa caldo

Molti pensano che l'aria condizionata sia la soluzione a tutti i problemi legati al caldo notturno, tuttavia esistono metodi alternativi più salutari e che non consumano energia (gran cosa di questi tempi).

  • Mangiare bene e più leggero: adottare un'alimentazione più leggera, a base di molta frutta e verdura, non solo è importante per idratarsi e preparare l'organismo a contrastare il caldo diurno, ma è molto utile anche per andare a letto non appesantiti e pronti ad addormentarsi.
  • Dormire bassi: il pavimento è mediamente più freddo rispetto al resto della camera (anche perché l'aria calda tende sempre a salire in alto), dunque riposarsi su giacigli poco elevati aiuta sicuramente a stare più freschi. Futon, materassi gonfiabili o sacchi a pelo potrebbero far svoltare le nostre dormite estive.
  • Via i vestiti: tante persone proprio non riescono a dormire senza pigiama, tuttavia nelle sere più torride può essere una buona idea andare a letto con meno vestiti e coperte addosso.
  • Letto fresco: Possedere lenzuola di lino o cotone traspirante può essere un bel plus per stare un po' più freschi. nei casi estremi, si può anche pensare di mettere lenzuola e federe in freezer e toglierle venti minuti prima di andare a letto...
  • Relax: niente caffè (per gli adulti) o schermi luminosi prima di addormentarsi. Mettiamoci a letto belli sereni, privi di fonti di distrazione e sicuramente riposeremo meglio. Un buon metodo può essere quello di chiudere gli occhi e ripensare alle cose più belle della giornata: l'organismo si rilasserà e, grazie alla già citata melatonina, il sonno arriverà più facilmente.
  • W l'acqua: bere un bicchiere d'acqua prima di addormentarsi è un vero toccasana, non solo per il sonno. Per contrastare la sete notturna può essere una buona idea anche mettersi sul comodino una bella bottiglia "d'emergenza".

FONTI: Humanitas, Healthline