Focus.it

FocusJunior.it

FocusJunior.itNewsNews e curiositàCuriosità10 usi che (forse) non sai dell’uovo

10 usi che (forse) non sai dell’uovo

Stampa
10 usi che (forse) non sai dell’uovo
Getty Images

Se pensi all’uovo immagini nel suo utilizzo in cucina come ingrediente per piatti dolci o salati, oppure da gustare strapazzato, in camicia, sodo o al tegamino… In realtà è molto di più, leggi qui

L'uovo, più che un semplice ingrediente rivela una ricchezza di significati e usi che vanno oltre la gastronomia. Ecco 10 curiosità sorprendenti sul valore dell'uovo nella storia e nella cultura moderna.

Un modo per esprimere un’opinione

Quando viene lanciato contro qualcuno, soprattutto se è marcio, l'uovo è una potente espressione di disapprovazione.

È una bella “tela” da dipingere

Come tradizione molte persone, religiose o meno, si cimentano a decorare le uova di Pasqua. Come? Semplicemente colorando il guscio dell'uovo usando bucce di cipolla o succo di barbabietola, o altri coloranti alimentari. Oppure c'è chi usa la cera per realizzare  decorazioni più resistenti. La più suggestiva, secondo noi, è l' arte ucraina e polacca di decorare le uova nota come pysanky. Quest'arte risale al pre-cristianesimo, e simboleggia la vita e la rinascita.

Elemento essenziale del processo fotografico

Louis-Désiré Blanquart-Évrard inventò il processo utilizzando l'albume (la parte gelatinosa trasparente che circonda il tuorlo) nel 1850 e divenne il metodo più popolare per la stampa fotografica nel XIX secolo. La carta veniva stesa su una miscela di albume e sale. Quando si asciugava, si otteneva una carta patinata lucida. Il processo poteva essere utilizzato con qualsiasi tipo di negativo. Produceva immagini precise (in parte perché l'immagine galleggiava sulla superficie) ed era poco costoso.

Importante ingrediente per il pigmento

I pittori usavano le uova come leganti dei pigmenti. Il pigmento era prodotto da materiali naturali macinati che si trovavano in natura: qualsiasi cosa, dai lapislazzuli ai minuscoli corpi delle cocciniglie, veniva schiacciata e poi mescolata con il tuorlo d'uovo. (Vermeer per esempio ha utilizzato questa tecnica La ragazza con l'orecchino di perla).

Una passione particolare

Le uova di Pasqua erano la passione di Alessandro III, che commissionò a Peter Carl Fabergé, gioielliere e orafo della corte imperiale russa, un elaborato gioiello a forma di uovo di Pasqua per sua moglie, Maria Fëdorovna. Il primo uovo di Fabergé, l'Uovo di gallina, si aprì per rivelare una gallina dorata nel suo nido. La gallina si apriva anche per rivelare una versione in miniatura della corona imperiale russa. Nel corso degli anni, per i Romanov furono prodotte 50 uova, ciascuna contenente un elemento a sorpresa.

Uovo per gioco

Durante i picnic, un tempo, si facevano giochi con le uova. Oltre alle corse, alle gare di salto all'interno di un sacco di patate e altri giochi di gruppo, c'erano almeno due giochi popolari con le uova. In uno di questi, i concorrenti correvano tra due punti con un uovo tenuto nel cucchiaio. Un altro era un lancio di uova in cui vinceva chi rimaneva con l’uovo intero (spesso uno tra tutti era sodo).

"Cura" i postumi della sbornia

Un misto di rosso d'uovo, salsa Worcestershire, aceto, salsa piccante, sale e pepe, l’ostrica di prateria è in realtà senza frutti di mare. Le sue origini risalgono all’America del XIX secolo, quando osterie e i bar di ostriche andavano di moda e nel mezzo della campagna dove non c’era l’oceano vennero inventate le ostriche di prateria, poiché il tuorlo d’uovo crudo ha la stessa consistenza delle ostriche. Quando si serve il drink è importante mantenere il rosso intatto e di solito va inghiottito in un colpo solo. Gli esperti sono dubbiosi sulle proprietà curative dell’ostrica di prateria ma si insinua che l’idea di doverne bere uno sia di per sé un deterrente dall’esagerare con l’alcol.

Aiuto per il giardino

I gusci d'uovo sono utili in giardino. Spezzettati e posti intorno ai germogli scoraggiano le lumache e altri parassiti. I gusci d'uovo frantumati aggiungono calcio al terreno e sono particolarmente utili per le piante di pomodoro. Possono anche essere aggiunti alle compostiere, dove forniscono calcio al terreno.

“Assistente” in cucina

A parte il semplice piacere di mangiarle, le uova sono imbattibili per alcuni compiti “culinari”: fungono da lievito nelle torte, chiarificano il brodo del bollito e tengono insieme il polpettone.

L’uovo può insegnare la scienza

Con le uova ci si può divertire in tutti i modi anche nell’ambito della scienza. Provate il trucco dell'uovo nudo che rimbalza. Mettete un uovo in un bicchiere e copritelo di aceto, cambiando l'aceto dopo le prime 24 ore. Una settimana dopo il guscio si sarà completamente dissolto, lasciando una pelle spessa e flessibile che copre il tuorlo ancora crudo all'interno, che sarà visibile. Alla fine avrete un uovo che che rimbalza.

CATEGORY: 1