Donna Moderna
FocusJunior.it > News > News e curiosità > Chi ha inventato il tramezzino?

Chi ha inventato il tramezzino?

Stampa
Chi ha inventato il tramezzino?
Shutterstock

Lo sapevate che anche il panino cui facciamo gli spuntini ha una storia interessante? C'è persino una Giornata Mondiale a lui dedicata...

Ogni giorno dell'anno è la Giornata Mondiale di qualcosa. Ve ne sono molte importanti, ma non sono poche quelle piuttosto... “curiose”. Una di queste è la Giornata Mondiale del Tramezzino, che viene celebrata l'11 maggio. E visto che gli si è dedicata una Giornata Mondiale, direi che è interessante andare a scoprire qualcosa sul noto panino triangolare.

LA VARIANTE PIEMONTESE DEL SANDWICH

Il tramezzino è un'invenzione culinaria del Piemonte, e più specificamente di Torino, il cui termine fu coniato dal grande scrittore italiano Gabriele D'Annunzio, che così lo chiamò come diminutivo di “tramezzo” (derivato da “intramezzo”), ossia una sorta di spuntino tra la colazione e il pranzo. Una specie di merenda. D'Annunzio creò questo termine per sostituire il termine inglese analogo di sandwich.

In realtà, esiste proprio una paternità esatta del tramezzino, che fu un'invenzione del “Caffè Mulassano” di piazza Castello a Torino, che lo inventò nel 1925 come versione italiana del sandwich, che tuttavia è un panino imbottito inglese che, a sua volta, era stato modificato da un'antica tradizione cinese. La prima ricetta ufficiale del tramezzino fu pubblicata nel 1936 sul giornale “La cucina italiana”.

E come si preparerebbe un tramezzino? Si prendono prima di tutto due fette di pancarrè. Se si decide di non tagliarle, il tramezzino è rettangolare come esse, ma più spesso esse vengono tagliate in diagonale formando dei triangoli. Da ogni fetta di pancarrè, in questo modo, si ricava un tramezzino. Spesso viene tolto il bordo, o crosta, dalle fette, in mezzo alle quali si collocano dei salumi, del formaggio, dell'insalata e delle salse o altro. Può essere freddo oppure riscaldato.

QUALE È LA DIFFERENZA TRA UN TRAMEZZINO E UN SANDWICH?

Il sandwich, come già accennato, è una specie di antenato del tramezzino. Fu inventato tre secoli fa da John Montagu, duca di Sandwich. Questi giocava sempre d'azzardo e non voleva mai abbandonare il tavolo neanche per mangiare. Così, per mettere sotto i denti qualcosa da mangiare rapidamente mentre giocava, si faceva fare questo panino imbottito. Gli altri compagni di gioco lo imitarono, chiedendo al maggiordomo di portar loro “lo stesso di Sandwich” e poi, per semplificare, un sandwich.

L'ACCOMPAGNAMENTO IDEALE PER L'APERITIVO

Il tramezzino è diffuso in tutta Italia e viene mangiato soprattutto per accompagnare l'aperitivo. In Veneto è diffusissimo mangiare il tramezzino insieme allo Spritz. I classici tramezzini sono quelli prosciutto e funghi, speck e formaggio, prosciutto cotto e carciofini, tonno e olive. Ma le varietà sono infinite e prevedono ormai l'onnipresente salsa. Ad esempio il tramezzino polpa di granchio, salsa rosa e lattuga, o quello salsa di pomodoro, mozzarella, melanzane fritte e origano (detto “alla siciliana”), oppure con asparagi, salsa tonnata e pomodori e molti altri.

EL TRAMESÌN, IL TRAMEZZINO ALLA VENEZIANA 

È a Venezia che il tramezzino è diventato un prodotto tipico, fatto in modo particolare. Oltre ad essere mangiato per accompagnare lo Spritz, il tramesìn a Venezia è diventato quasi un pasto completo. Molto diverso sia dal sandwich che dal tramezzino italico, è fatto con pane morbido al latte e senza crosta, più grande del pancarrè, triangolare e farcito con particolare abbondanza. Il ripieno è collocato al centro, così che la forma del tramesin è bombata. Tra i ripieni, spicca soprattutto la maionese. All'interno si farciscono con salumi, o funghi, carciofi, mozzarella, pomodoro, rucola, gamberetti, tonno, uovo sodo, pollo, lattuga, baccalà, sarde, salmone, avocado. Per colazione, a Venezia, si mangiano anche arrotolati.

C'È DIFFERENZA CON IL TOAST?

E fra un toast e un tramezzino, qual è la differenza? Guardate, la facciamo breve: il toast conserva la crosta ai bordi e viene messo in un tostapane e mangiato caldo. Il tramezzino, invece, la crosta non ce l'ha e viene mangiato freddo. Ma sicuramente sono deliziosi entrambi!