Donna Moderna
FocusJunior.it > News > Mamma acrobata cercasi: avventure al circo!

Mamma acrobata cercasi: avventure al circo!

Stampa


Hetty vive nella Londra del 1876 ed è orfana. Un giorno scappa per andare a vedere il circo. Che la fantastica cavallerizza Madame Adeline sia la mamma che tanto sta cercando?
Vi piacciono le storie piene di emozioni e di risate? Allora questo libro fa per voi. La piccola Hetty vi farà ridere di gusto ma anche piangere un po'. Hetty ha gli occhi azzurri e i capelli rossi (che lei odia!) e un carattere un po'... selvaggio. Ha un'immaginazione potentissima e grazie alla sua fantasia e ai libri che adora leggere riesce a credere in un futuro migliore, anche se il presente è tutt'altro che semplice. Hetty infatti è orfana ed è costretta a vivere in un istituto. Ma lei vuole a tutti i costi ritrovare la sua mamma ed è convinta che la donna sia stata costretta ad abbandonarla. La speranza diventa una certezza per Hetty il giorno in cui, al circo, incontra un'acrobata coi capelli rossi come i suoi che la fa partecipare a un numero coi cavalli…
Trama
Londra, 1876: la piccola Hetty Feather viene abbandonata dalla madre nell’Ospizio dei Trovatelli. Prima di essere rinchiusa tra quelle tristi mura, Hetty viene data in affidamento a una numerosa famiglia di campagna, con la quale potrà rimanere finché non inizia ad andare a scuola. La vita nei campi è dura, ma Hetty è contenta di aiutare il patrigno nel lavoro, e s’inventa giochi infiniti con i fratellastri Jem e Gideon. Un giorno la ragazza scappa insieme ai fratelli per andare a vedere il Grande Circo Itinerante Tanglefield’s e resta affascinata dallo spettacolo, specialmente da Madame Adeline e dai suoi cavalli ammaestrati. Hetty è sicura che prima o poi riuscirà a trovare sua madre e crede che la cavallerizza sia una potenziale candidata...
  Titolo: Mamma acrobata cercasi
Autore: Jacqueline Wilson
Editore: Salani
Prezzo di copertina: €15,00
Età di lettura: da 10 anni
Un assaggio dal libro
"Il mio nome è Hetty Feather, Hetty Piuma, cioè. Non prendetemi in giro. Non è il mio vero nome. Sono assolutamente sicura che mia madre avrebbe scelto per me un nome ben più bello e romantico, anche se sfortunatamente io non sono né bella né romantica.
Riesco a immaginarmela.
«Mia piccola cara» mi ha sicuramente sussurrato la mamma, avvolgendomi amorevolmente nel suo scialle e tenendomi stretta al suo seno, come se non sopportasse l’idea di lasciarmi.
«Mia piccola...» Rosamund? Seraphina? Christobel? Gli occhi sono la cosa più bella che ho, azzurri come un cielo d’estate. Potrebbe avermi chiamato Zaffiro? Azzurra? Fiordaliso?"