Donna Moderna
FocusJunior.it > News > L’orso polare muore di fame: la colpa è dell’uomo!

L’orso polare muore di fame: la colpa è dell’uomo!

Stampa

Il video diventato virale di un magro e malconcio orso polare che si trascina in cerca di cibo ha commosso tutto il mondo. Ora dobbiamo agire per fermare lo stravolgimento del clima alla base di questo disastro!

«È una scena che spacca il cuore, ma che abbiamo scelto di condividere per rompere il velo di apatia della nostra società».

Questo il commento di Paul Nicklen, attivista e fotografo per National Geographic, al video postato sul suo profilo Instagam. 

 

Nel filmato, girato sull'isola canadese di Somerset, si mostra un magrissimo orso polare che si trascina come un fantasma tra i rifiuti alla ricerca di qualcosa da mangiare.

 

Le immagini sono forti, tanta è la sofferenza che traspare dall'animale in agonia, ma il fotografo ha voluto che il video diventasse virale per smuovere le coscienze e far sì che qualcosa possa finalmente cambiare.

I veri colpevoli siamo noi umani!

L'orso che arranca in un terreno dove dovrebbe esserci freddo e neve è infatti l'ennesimo manifesto del riscaldamento globale causato dall'inquinamento umano: le temperature si sono alzate, neve e ghiacci a certe latitudini non ci sono più, i mari sono più caldi, le foche sono sempre di meno e gli orsi, che di queste foche si nutrono, patiscono la fame più nera.

 

È un circolo vizioso che abbiano innescato noi e che solo noi possiamo spezzare.

 

«Avevamo le lacrime agli occhi mentre filmavamo - ha affermato Nicklen in un'intervista al National Geographic - È stata l'esperienza più sconvolgente che abbia mai vissuto». E che si spera nessuno, uomo o animale, debba più rivivere.

Ma anche qui non mancano le polemiche

Tra le tante voci d'indignazione sollevatesi in seguito alla pubblicazione del video vi sono però alcuni che vanno controcorrente.

 

Il fotografo è stato accusato di insensibilità per non aver provato ad aiutare l'animale, ma Nicklen ha rispedito al mittente la calunnia con semplicità: «Purtroppo non giro con 400 kg di carne di foca in tasca!»

 

Un po' più fondati invece potrebbero essere i dubbi avanzati da alcuni biologi raggiunti dalla BBC. Questi studiosi, pur non negando le implicazioni causate dal clima impazzito, affermano infatti che l'orso sarebbe potuto essere semplicmente malato e non denutrito per mancanza di un habitat ideale, come invece suggerito dagli autori del video.

 

GUARDA LE STRAZIANTI IMMAGINI PUBBLICATE SU YOUTUBE DAL "GUARDIAN"

 

 

ULTIME NEWS